5 colpi sottovalutati del mercato in Bundesliga

5 colpi sottovalutati

Tanguy Nianzou Kouassi al Bayern Monaco, parametro zero dal Paris Saint-Germain

Su di lui c’erano Milan, Lipsia e Rennes, ma non ha esitato: liberatosi dopo la scadenza del contratto col PSG, il francese classe 2002 ha scelto  il Bayern Monaco. La sua avventura non è iniziata nel migliore dei modi (un problema muscolare lo terrà fuori per un mese e mezzo circa), ma la sensazione è che possa rivelarsi un affare di mercato clamoroso, a lungo termine, per Rumenigge e soci. Cresciuto da centrale difensivo, al PSG ha trovato spazio in prima squadra da mediano davanti alla difesa, segnando anche una doppietta all’Amiens.

I colpi di mercato della Bundesliga che vi siete persi

mercato bundesliga

La più attesa cessione riguardante la Bundesliga ha avuto finalmente la sua conclusione: Kai Havertz è un giocatore del Chelsea. Il gioiello del Bayer Leverkusen si trasferisce in Premier League per 80 milioni di euro più ulteriori 20 milioni in bonus che portano la cifra totale ai 100 milioni richiesti dalle Aspirine. Havertz saluta la Bundesliga dopo 118 partite, 36 reti all’attivo e svariati record infranti con la speranza di ripetersi in Inghilterra dove giocherà al fianco di Timo Werner.

Oltre ad Havertz, il Bayer Leverkusen saluta anche un altro importante protagonista degli ultimi quattro anni: Kevin Volland. L’attaccante tedesco saluta la Bundesliga con 77 gol e 62 assist per accasarsi al Monaco, alla corte di Niko Kovač, per una cifra attorno ai 15 milioni di euro.

Un’altra cessione, arrivata un po’ a sorpresa, è quella di Philipp Max. Il terzino sinistro dell’Augsburg ha salutato tutti destinazione Eredivisie, per la precisione al PSV Eindhoven. Sorprende soprattutto la cifra, solamente 10 milioni il costo di uno dei migliori esterni bassi delle ultime stagioni di Bundesliga.

Fuori un terzino dentro un altro, seppur dall’altro lato del campo. L’Augsburg ha infatti completato il trasferimento dal Lech Poznan di Robert Gumny per due milioni di euro. Il classe ’98 era stato inserito nella lista UEFA dei giovani calciatori da tenere d’occhio ed ora ha la possibilità di mettersi in mostra in una dei campionati top d’Europa.

In questa settimana si è mosso anche lo Schalke 04 che ha finalmente trovato la sua punta. Dall’Hertha Berlino arriva Vedad Ibisevic che nonostante i suoi 36 anni è ancora in grado di dire la sua in Bundesliga (sette gol lo scorso anno) e va a coprire una lacuna che i Knappen si portano avanti ormai da anni. Non è di certo la soluzione finale, ma una buona toppa assolutamente sì. Ibisevic ha peraltro annunciato di voler donare ad associazioni benefiche l’intero stipendio che percepirà dallo Schalke.

Dall’Olanda alla Germania passando dalla Russia. Guus Til approda in prestito biennale con diritto di riscatto al Friburgo dallo Spartak Mosca che lo aveva acquistato appena un anno fa dall’AZ Alkmaar per 18 milioni di euro. Trequartista in grado di giocare anche nel centrocampo a tre, Streich trova una valida opzione per il suo attacco su cui lavorare e progettare.

Doppio colpo per l’Arminia Bielefeld che firma a costo zero il difensore centrale ex Swansea Mike van der Hoorn e ottiene in prestito l’ala giapponese Ritsu Doan. Il difensore olandese garantisce esperienza ad alti livelli e anche la possibilità di impostare partendo dal basso, mentre l’esterno classe 1998 arriva dal PSV Eindhoven e su di lui ci sono molte aspettative per quanto fatto vedere in Olanda. Doan, mancino naturale, è dotato di una grande velocità e di ottimo tocco potrebbe davvero fare la differenza per gli Arminien.

Felix Kroos, fratello minore di Toni, scende di categoria dopo l’annata trascorsa in Bundesliga all’Union Berlin, dove per la verità ha trovato poco spazio, e lo fa andando a vestire la maglia dell’Eintracht Braunschweig.

Continua il tour europeo di Lasse Sobiech, calciatore di proprietà del Colonia, che dopo aver giocato gli ultimi mesi della scorsa stagione in Belgio in forza al Royal Excel Mouscron ora va in prestito allo Zurigo dove avrà modo di trovare la continuità voluta.

I colpi di mercato della Bundesliga che vi siete persi

Robin Koch

Weston McKennie è ufficialmente un nuovo giocatore della Juventus. Il centrocampista statunitense lascia lo Schalke 04 dopo quattro anni e 91 presenze in gare ufficiali. 4,5 milioni di euro per il prestito, 18,5 per il diritto di riscatto – che secondo ‘Sky’ in Germania diventa obbligo se la Juve si qualificherà in Champions League – più 7 milioni di bonus.

Robin Koch lascia il Friburgo dopo tre grandi anni per unirsi al Leeds. Il nazionale tedesco vola in Inghilterra per 13 milioni più bonus. Aveva un contratto in scadenza nel 2021. Interessava a tantissimi club in giro per l’Europa: ha scelto la Premier per consacrarsi dopo essersi formato con Streich. Possibile venga impiegato a centrocampo più che in difesa.

Il Bayern Monaco rinforza anche il settore giovanile con un colpo ad effetto: nell’Under 17 arriva lo scozzese Barry Hepburn, ala ex Celtic, classe 2004, tra i più promettenti della sua generazione: velocità e dribbling, doti tecniche fuori dal comune per uno della sua età, che ha appena compiuto 16 anni. Raggiunge Morrison, altro scozzese, classe 2003, prelevato sempre dal Celtic un anno fa.

Era arrivato per sostituire Jovic, non è andata benissimo. Ora Dejan Joveljic, dopo i pochi mesi all’Anderlecht con poca fortuna, riparte dall’Austria. Lascia l’Eintracht Francoforte in prestito secco per giocare in prestito al Wolfsberger e provare a trovare spazio e minuti.

Simon Makienok è il nuovo attaccante del St. Pauli, che sostituisce Veerman, ceduto negli scorsi giorni. L’ex Palermo arriva dopo aver giocato gli ultimi 6 mesi alla Dynamo Dresda (vi avevamo parlato di lui lo scorso marzo).

Luca Plogmann, giovane portiere di proprietà del Werder Brema, ha prolungato il contratto con i biancoverdi ed è andato in prestito al Meppen, in 3.Liga. È uno dei giovani portieri più interessanti ed è nel giro delle nazionali giovanili tedesche.

Toni Leistner ritorna in Germania, anche se non in Bundesliga. L’ex colonna dell’Union Berlino, visto in massima serie con il Colonia lo scorso anno da gennaio in poi (con risultati alterni), ha lasciato il QPR a parametro zero per firmare un biennale con l’Amburgo. Acquisto di lusso per i Rothosen alla ricerca della promozione.

Dopo due anni con l’Hertha Berlino, Pascal Köpke, figlio d’arte, torna in Zweite e si unisce al Norimberga, club nel quale è cresciuto giocando dal 2003 al 2013 prima di esplorare altri lidi. A Berlino soltanto 13 presenze e un goal.

I colpi di mercato della Bundesliga che vi siete persi

havertz bayern

Il futuro di Kai Havertz sembra al Chelsea: anche ‘Sport Bild’ ha rilanciato un accordo quasi raggiunto a 100 milioni di euro, bonus compresi, tra il Leverkusen e i Blues, con accordi personali già siglati da tempo. Si dice che Havertz voglia andare via e il Leverkusen ha già pubblicamente aperto alla cessione, ma Rudi Völler, alto dirigente del club, ha preso tempo e smentito l’accordo: “Accordo col Chelsea? Nonsense”.

Kai Havertz
Kai Havertz

Il Bayern Monaco sembra ormai rassegnato a perdere Thiago Alcántara. Karl-Heinz Rummenigge ha di fatto messo la parola fine all’avventura dell’ex Barcellona, che ha scelto di non rinnovare il contratto in scadenza 2021 e andare altrove. “Non ci saranno sconti, specialmente dopo questa Champions. Il club nel quale Thiago ha scelto di andare deve contattarci e trattare con noi”.

Thiago Alcántara
Thiago Alcántara è al Bayern dal 2013. Fonte: Getty/OneFootball

Valentino Lazaro è tornato in Bundesliga: l’esterno ex Inter è un nuovo giocatore del Borussia Mönchengladbach. Vestirà la maglia dei Fohlen per questa stagione in prestito, ma con la possibilità di essere riscattato. Una grande alternativa per le corsie per Marco Rose. L’ex Hertha può giocare sia da esterno a cinque che da ala, occasionalmente anche da terzino a quattro.

L’Amburgo fa il colpo Simon Terodde. Il tre volte capocannoniere della Zweite Liga negli ultimi cinque anni firma un contratto annuale con i Rothosen. Obiettivo: la promozione, ovviamente. Quella che lui ha già conquistato a suon di goal con lo Stoccarda nel 2017 e con il Colonia nel 2019.

Yvon Mvogo, secondo portiere del Lipsia nelle ultime due stagioni, va in prestito al PSV Eindhoven di Roger Schmidt per la prossima stagione. Era stato accostato a diversi club di Bundesliga. Le riserve di Gulacsi saranno il giovane spagnolo Martinez e l’esperto Tschauner.

Il Wolfsburg acquista Maxence Lacroix, rinforzo per la linea difensiva di Glasner. Il classe 2000 arriva dal Sochaux con cui ha giocato la scorsa stagione in Ligue 2, con 27 presenze. Fa parte anche della nazionale under 20 francese. Sarebbe costato circa 5 milioni di euro.

I colpi di mercato della Bundesliga che vi siete persi

mercato bundesliga

Il Borussia Dortmund fa il colpo Reinier: arriva il fantasista del Real Madrid, classe 2002. Prestito secco di due anni, escluso un diritto di riscatto. Come ha già avuto modo di spiegare Lucien Favre, sarà un’alternativa nel tridente d’attacco ed eventualmente anche a centrocampo.

Il Werder Brema ha ufficializzato l’arrivo di Tahith Chong dal Manchester United: prestito secco di un anno in Bundesliga per il talento olandese, che darà una grande mano in attacco. Rinforzo di primo piano per il 4-3-3 di Kohfeldt, che numericamente cercava rinforzi dopo gli addii di Bartels e Pizarro più il prestito di Goller. Juventus e Inter lo cercavano prima del rinnovo con lo United.

Il Sassuolo fa ancora shopping in Germania: dopo Jeremy Toljan, arriva in neroverde Kaan Ayhan, difensore ex Fortuna Düsseldorf cresciuto nello Schalke 04. Il classe 1994, centrale di ruolo ma anche in grado di giocare terzino destro e mediano, si trasferisce a titolo definitivo dopo essere retrocesso con l’F95 quest’anno. Lo scorso anno era stato accostato all’Atalanta.

L’Union Berlino ha annunciato che Neven Subotic non si allenerà più con il gruppo e si troverà una nuova squadra. Il centrale serbo, leggenda del Dortmund, cerca una nuova sfida a 32 anni. Viene da una stagione con buona continuità fisica (23 presenze complessive), ma molti alti e bassi a livello di rendimento in campo.

Il Friburgo saluta Luca Waldschmidt, che diventa ufficialmente un giocatore del Benfica per 15 milioni di euro. L’attaccante tedesco, in grado di giocare anche da ala e nel giro della nazionale, viene da un anno in chiaroscuro con 8 goal. Un anno fa era stato grande protagonista all’Europeo Under 21 in Italia, chiuso da capocannoniere segnando 7 goal in 5 partite.

Ron-Robert Zieler è tornato a casa: il campione del mondo 2014, dopo essere stato epurato dall’Hannover in seconda divisione – che ha scelto Esser come titolare – ha firmato col Colonia in prestito, la squadra dove è cresciuto. Sarà il secondo di Timo Horn.

I 5 acquisti ‘rivelazione’ del mercato di gennaio

mercato

Le prime pagine se le sono prese Haaland, Emre Can, Piatek e altri. Il mercato invernale della Bundesliga però non è stato fatto soltanto da grandi nomi e da altrettanto grandi investimenti, ma anche di colpi magari di secondo piano, che possono però essere delle vere e proprie rivelazioni per utilità, per rendimento e, perché no, anche per valore assoluto. Perché possono cambiare da soli le sorti di una squadra. In particolare ne abbiamo scelti cinque.

5 – Eduard Löwen, Augsburg

Il centrocampista classe 1997 era stato uno dei pochi a salvarsi nel Norimberga 2018/19, tanto che l’Hertha aveva deciso di puntare su di lui per 7 milioni di euro. A Berlino ha però giocato solo 7 partite e non ha mai avuto una vera occasione. Così, dopo 309 minuti, ha deciso di cambiare aria andare all’Augsburg. In Baviera può diventare la spalla ideale di capitan Baier, grazie al suo piede educato e alla sua capacità di mantenere l’equilibrio di squadra senza far mancare l’apporto offensivo. Sia da titolare che entrando a partita in corso.

4 – Santiago Ascacibar, Hertha Berlino

È stato uno dei pochi a salvarsi nello Stoccarda dello scorso anno, anche se alla fine aveva scelto di rimanere in Zweite. La chiamata dell’Hertha Berlino è stata decisiva per farlo tornare in Bundesliga. Nello scacchiere di Klinsmann è già diventato il perno del centrocampo, l’uomo che dà equilibrio davanti alla difesa, detta i ritmi e soprattutto garantisce fisicità. Per ora è anche riuscito a non prendere gialli. Nell’Hertha del futuro si propone come uno dei possibili protagonisti. L’età è dalla sua: compirà 23 anni a febbraio.

3 – Munas Dabbur, Hoffenheim

L’israeliano è stato uno degli uomini di punta del Red Bull Salisburgo che ha fatto divertire tutti in Europa League fino all’estate scorsa. Poi è passato al Siviglia, visto che doveva far spazio a un certo Haaland. In Spagna non è andata come sperava. Ora l’arrivo in Bundesliga, in una squadra che cerca i goal di un centravanti come lui. Dopo 72 goal in due stagioni e mezzo con i dominatori d’Austria, a 27 anni Dabbbur prova a rilanciarsi.

2 – Mark Uth, Colonia

Si tratta di un ritorno a casa, perché Uth a Colonia ci è cresciuto e nell’effzeh ci ha già giocato, prima di cercare (e trovare) fortuna in Olanda. Dopo i goal all’Hoffenheim e la sfortunata esperienza allo Schalke, il classe 1991 è tornato nella sua città. Nel giro di poco è diventato un punto di riferimento per una squadra giovane che cercava esperienza. Gisdol lo ha sempre schierato titolare da seconda punta dietro Cordoba ed è stato ripagato con un goal e 2 assist nelle prime tre gare. Garanzia.

1 – Kevin Vogt, Werder Brema

Si tratta del colpo che può essere più importante per due ragioni. La prima: era entrato anche in orbita Bayern Monaco nelle ultime sessioni di mercato, e non è un caso. La seconda: non è solo la scelta di un giocatore, ma di un sistema di gioco. Vogt è probabilmente uno dei cinque migliori centrali di una difesa a tre. Lo ha dimostrato con Nagelsmann all’Hoffenheim. Schreuder ha poi scelto di tornare a quattro finendo per escluderlo. Così ha scelto Brema e il Werder. Ovviamente l’eventuale salvezza non dipenderà certamente solo da lui, ma la cosa che più interessa è che il suo acquisto riporta chiarezza in una squadra ricca di confusione.