🗞 BundesCafé review, 29ª giornata – Flick chiude i giochi e dice addio

29ª giornata Bundesliga 2020/21

La 29ª giornata della Bundesliga 2020/21 si è conclusa con cinque vittorie interne, due pareggi per 0-0 e una vittoria esterna, più una partita sospesa (Hertha-Mainz, a causa delle positività al Covid-19 emerse nei berlinesi). 24 i goal segnati complessivi, una media di 2,67 a partita.

29ª giornata Bundesliga 2020/21
I risultati della 29ª giornata della Bundesliga 2020/21.

IL TOPSPIEL 💥

Nonostante la piena emergenza fisica, il Bayern Monaco è riuscito a espugnare il campo del Wolfsburg. Un 2-3 con superstar Jamal Musiala, autore di una doppietta straordinaria. Vittoria sofferta, ma vittoria. Ora i bavaresi sono di nuovo a +7 dal Lipsia e vedono lo striscione del traguardo a cinque giornate dalla fine.

L’MVP 👑

Jamal Musiala superstar, sempre di più. Il classe 2003 è diventato il più giovane a segnare 6 goal in Bundesliga, firmando la sua prima doppietta (quarta più giovane di sempre), il primo dei quali di testa.

L’ALTRO PROTAGONISTA 🎖

Contro ciò che è rimasto dello Schalke 04, si è scatenato Christian Günter: doppietta, con il secondo goal che è stato una sassata dai 30 metri con il suo mancino, un pallone telecomandato che è finito alle spalle di Fahrmann. Il capitano del Friburgo è stato uno dei migliori della stagione, non ha saltato neanche un minuto ed è alla sua prima doppietta.

LA TOP 11 📐

Hradecky (Leverkusen); Trimmel (Union), Uduokhai (Augsburg), Ginter (Gladbach), Günter (Friburgo); Schlager (Wolfsburg), Musiala (Bayern); Hofmann (Gladbach), Reyna (Dortmund), Bailey (Leverkusen); Haaland (Dortmund). All. Streich (Friburgo)

IL VOLTO NUOVO 🆕

Sulla panchina del Colonia ha ri-debuttato Friedhelm Funkel, arrivato per sostituire Gisdol. Non un secondo esordio felice per il 67enne (l’aveva già allenato tra il 2002 e il 2003), vista la pesante sconfitta nel derby col Leverkusen per 3-0. In più, un’uscita poco felice in TV: “Il Leverkusen gioca ad un ritmo molto alto, grazie ai loro giocatori… ecco… ci sarebbero un paio di espressioni che però oggi non si possono più usare… diciamo grazie ai loro giocatori molto veloci”. Il giorno dopo ha chiesto scusa.

LA SORPRESA 😮

Il terremoto del weekend è arrivato sempre da Wolfsburg, dove Hansi Flick ha annunciato la sua volontà di lasciare il Bayern Monaco a fine stagione. Probabilmente non una sorpresa al 100%, ma comunque una notizia sorprendente per come è arrivata: dopo una vittoria, con la stagione ancora in corso. Probabilmente la speculazione ha stancato anche lui. Si dice anche che la dirigenza non fosse al corrente dell’annuncio di Flick.

LA STATISTICA 📊

Dopo 754 minuti di calcio senza segnare, Erling Haaland è riuscito a trovare il goal. Poi ne ha fatto subito un altro. Il ragazzo si è sbloccato…

LA CITAZIONE 🎙

Inevitabilmente, si torna sempre lì. All’addio di Hansi Flick e alle sue parole a ‘Sky Sport’.

“Ho comunicato alla squadra la mia decisione di voler interrompere il mio contratto a fine stagione. Ho informato la dirigenza in settimana, dopo l’eliminazione dalla Champions League. Avevo bisogno che anche la squadra lo sentisse da me”.

Come vi abbiamo detto, la risposta non si è fatta attendere.

LA FOTO 📸

Il Borussia Dortmund è sceso in campo con una maglia speciale, un tributo agli anni ’90. E che tributo.

Fonte: Imago/OneFootball

LA CURIOSITÀ 🧐

Lo scorso martedì, quattro giorni fa, l’Eintracht Francoforte ha annunciato che Adi Hütter dalla prossima stagione allenerà il Borussia Mönchengladbach. Ecco, il derby contro il suo futuro è finito 4-0 in favore del suo futuro. E potrebbe costare punti preziosi in chiave Champions al suo presente…

I MIGLIORI MARCATORI 🔥

Non una giornata per i bomber. Rimane fermo Lewandowski a 35 causa infortunio (anche se è tornato a correre col pallone), non si muove neanche André Silva. In goal Weghorst che sale a 19, per il resto gli altri in doppia cifra non avanzano. Più in basso, Sallai e Bailey salgono a 8.

LA CLASSIFICA 📃

Dopo la 29ª giornata della Bundesliga 2020/21, il Bayern Monaco riacquista un vantaggio di 7 punti sul Lipsia, mettendo una seria ipoteca sul titolo. Perdono sia Wolfsburg che Eintracht, dando la chance a Dortmund e Leverkusen si riavvicinarsi. Bene anche Gladbach, Union e Friburgo, frena invece la corsa all’Europa dello Stoccarda. In basso un punto per Augsburg, Arminia e Hoffenheim, anche se sarà Mainz-Hertha a determinare molto.

29ª giornata Bundesliga 2020/21
La classifica alla 29ª giornata della Bundesliga 2020/21.

🗞 BundesCafé review, 28ª giornata – Il weekend delle prime e ultime volte

28ª giornata Bundesliga 2020/21

La 28ª giornata della Bundesliga 2020/21 si è chiusa con tre vittorie interne, tre pareggi e tre sconfitte, in perfetto equilibrio. 30 i goal segnati, una media di 3,33 a partita.

Giornata che rimarrà nella storia, perché è stata l’ultima con una partita giocata di lunedì.

28ª giornata Bundesliga 2020/21
I risultati della 28ª giornata della Bundesliga 2020/21.

 

IL TOPSPIEL 💥

Ve lo abbiamo già detto sabato: Eintracht Francoforte e Wolfsburg hanno dato vita alla partita probabilmente più divertente e bella dell’intera stagione di Bundesliga. Finita 4-3, con un poker di marcatori diversi per le Adler: Kamada, André Silva, Durm e Jovic. Ad eccezione dell’ultimo, tutti hanno anche prodotto un assist. Terza contro quarta, aspettative mai deluse.

Eintracht Wolfsburg 4-3

L’MVP 👑

Ansgar Knauff ha regalato al Dortmund tre punti di vitale importanza sul campo dello Stoccarda: l’esterno destro classe 2002 stavolta è partito dalla panchina, dopo la titolarità contro il City in settimana, ma ha trovato il suo primo goal assoluto tra i professionisti.

L’ALTRO PROTAGONISTA 🎖

Impossibile non menzionare Erik Durm, il campione del mondo 2014 che con un goal e un assist contro il Wolfsburg ha probabilmente incasinato ancora di più i piani del Borussia Dortmund. Oppure potrebbe avergli fatto un favore: più facile raggiungere il Wolfsburg, che ha un calendario complicato, piuttosto che l’Eintracht Francoforte.

LA TOP 11 📐

Fährmann (Schalke); Durm (Eintracht), Pieper (Arminia), Boateng (Bayern); Kamada (Eintracht), Andrich (Union), Boetius (Colonia), Knauff (Dortmund); Sørloth (Lipsia), André Silva (Eintracht), Cordoba (Hertha). All. Nagelsmann (Lipsia).

IL VOLTO NUOVO 🆕

Primissima da titolare con il Bayern Monaco per Tiago Dantas: il centrocampista portoghese è uno dei pupilli di Hansi Flick, che lo ha avuto a disposizione da gennaio e dopo i 3 minuti che gli ha concesso col Colonia è arrivata anche la prima da titolare, in una formazione molto sperimentale – nella quale ha trovato posto anche un altro esordiente come Josip Stanisic, anche lui come Dantas classe 2000. Subentrato invece Scott, altro centrocampista che ha esordito.

LA SORPRESA 😮

Lo Schalke ha vinto! Per la seconda volta in 28 giornate, il club di Gelsenkirchen, fanalino di coda, ha trovato i tre punti. Dopo l’Hoffenheim, l’Augsburg. Aveva già sfiorato la vittoria all’andata, questa volta al ritorno è arrivato l’1-0 firmato da Serdar. La salvezza appare ancora impossibile, visto che la quota sale, ma quantomeno è un segnale forte di unità.

LA STATISTICA 📊

Contro lo Stoccarda, Erling Haaland ha tagliato l’insolito traguardo dei 500 minuti senza segnare nemmeno un goal tra Borussia Dortmund e Norvegia. Ci hanno pensato Bellingham, Knauff (entrambi al primo goal in Bundesliga) e Reus a vincerla.

LA CITAZIONE 🎙

In conferenza stampa alla vigilia di Bayern-Union, un giornalista ha chiesto ad Hansi Flick del suo futuro. Il tecnico del Bayern Monaco ha risposto “prossima domanda?”. Poco dopo ha tirato una stilettata al DS Hasan Salihamidzic.

“Quest’anno la squadra è meno forte qualitativamente rispetto all’anno scorso. Nonostante questo, siamo primi e ci giochiamo il passaggio del turno in Champions League”.

Il rapporto tra Flick e Brazzo sembra sempre più inclinato.

LA FOTO 📸

Una delle partite più importanti e delicate del weekend è stata quella tra Mainz e Colonia, vinta per 3-2 dai primi sul campo dei secondi. Una sconfitta arrivata in pieno recupero che è costata la panchina all’allenatore Markus Gisdol. Con tanto di disperazione per Jonas Hector, capitano e icona del Colonia, che è già retrocesso una volta con il suo club e ora rischia il bis. Da Costa a fine partita lo ha consolato.

LA CURIOSITÀ 🧐

Sosa per Sasa, Borna (di nome) per Kalajdzic (di cognome). Il duo dello Stoccarda è ancora letale: gli assist del primo col mancino sono già cinque per altrettanti i goal del secondo, solitamente di testa. Uno dei migliori crossatori della Bundesliga e il miglior colpitole di testa d’Europa.

I MIGLIORI MARCATORI 🔥

Ancora out Lewandowski, fermo a 35 e comunque irraggiungibile. André Silva conferma il secondo posto solitario a 23, mentre Haaland resta a 21 e Weghorst sale a 18. Quota 14 per Kalajdzic, segna anche Stindl che sale a 12, settimo assoluto.

LA CLASSIFICA 📃

Dopo la 28ª giornata della Bundesliga 2020/21, in testa alla classifica cambiano le distanze: il Bayern Monaco vede la distanza sul Lipsia assottigliarsi da 7 a 5 punti. L’Eintracht si avvicina al Wolfsburg, il Dortmund non riesce a guadagnare sul quarto posto ma vince e si avvicina. Staccando anche il Leverkusen, che resta sesto. Union e Gladbach poco più dietro, lotta aperta per il settimo posto con Stoccarda e Friburgo. In fondo succede di tutto: il Mainz si stacca con una vittoria che inguaia il Werder e non solo. L’Arminia fa un balzo, l’Hertha va lento. Il Colonia rimane a fondo. Lo Schalke vince, ma conta poco ormai.

28ª giornata Bundesliga 2020/21
La classifica alla 28ª giornata della Bundesliga 2020/21.

🗞 BundesCafé review, 27ª giornata – Festa Bayern, dramma Dortmund

27ª giornata Bundesliga 2020/21

La 27ª giornata della Bundesliga 2020/21 si è conclusa con soltanto 19 goal in 9 partite, media misera per le abitudini della massima serie tedesca: 2,11 a partita. Cinque le vittorie interne, due i pareggi e due le vittorie in trasferta.

27ª giornata Bundesliga 2020/21
I risultati della 27ª giornata della Bundesliga 2020/21.

IL TOPSPIEL 💥

Era il match più atteso e non ha deluso. Il Bayern Monaco ha battuto il Lipsia alla Red Bull Arena, è salito a 64 punti e lasciato la squadra di Nagelsmann a 57 punti. Un distacco di 7 punti che sembra incolmabile a 7 partite dal termine. Goal decisivo di Goretzka nel primo tempo. Nella ripresa assedio Lipsia, nove conclusioni totali, ma nessun goal. Ed è 0-1. Qui i nostri 10 spunti sul match.

L’MVP 👑

Non appare sul tabellino alla voce ‘goal’, ci compare come assistman (numero 15 della stagione): Thomas Müller è ancora una volta il grande protagonista del Bayern Monaco. Perché nella partita più importante della stagione non ha sbagliato una scelta, un movimento, un’indicazione. Un giocatore irripetibile.

L’ALTRO PROTAGONISTA 🎖

Dortmund-Eintracht 1-2 era l’altro match decisivo e a deciderlo è stato indubbiamente Filip Kostic: da un suo cross dalla sinistra è nato l’autogol di Schulz, stesso copione per l’incornata di André Silva che ha deciso il match. Ah, sì: 11 assist, meglio di lui solo il signore di cui sopra.

LA TOP 11 📐

Gikiewicz (Augsburg); Tuta (Eintracht), Brooks (Wolfsburg), Vargas (Augsburg); Demirbay (Leverkusen),  Goretzka (Bayern); Thuram (Gladbach), Müller (Bayern), Kostic (Eintracht); Sallai (Friburgo), André Silva (Eintracht). All. Matarazzo (Stoccarda)

IL VOLTO NUOVO 🆕

L’esordio sulla panchina del Bayer Leverkusen di Hannes Wolf è andato nel migliore dei modi: 2-1 contro ciò che resta dello Schalke 04. Cambio di modulo (passaggio al 3-4-2-1) e mentalità fresca le prime armi del tecnico che ha preso il posto di Peter Bosz e gestirà la squadra fino a fine stagione. Sperando chissà in una conferma.

LA SORPRESA 😮

C’è una statistica che riguarda i goal segnati nei quali Robert Lewandowski non è al primo posto: è quella dei goal segnati da fuori area. In testa c’è Robert Andrich, che da ex ha segnato in Union-Hertha il momentaneo vantaggio degli Eisernen nel derby di Berlino.

LA STATISTICA 📊

Il Bayern Monaco ha segnato per la partita consecutiva ufficiale numero 62 in tutte le competizioni. Semplicemente ingiocabile.

LA CITAZIONE 🎙

Nonostante la sconfitta con l’Eintracht possa costare la Champions League, a Dortmund sembrano ancora molto tranquilli riguardo il futuro di Haaland, che in caso di mancata qualificazione potrebbe andarsene. Così ha parlato Sebastian Kehl, direttore tecnico del Dortmund, a Sky.

“Stiamo pianificando con Haaland, stiamo gestendo la situazione con grande tranquillità”.

LA FOTO 📸

Crediamo che la faccia del DS del Dortmund Michael Zorc dopo il goal dell’1-2 dell’Eintracht di André Silva valga il prezzo del biglietto.

LA CURIOSITÀ 🧐

Klaas-Jan Huntelaar è tornato a segnare un goal con lo Schalke 04 dopo 4 anni. È anche diventato il più marcatore più anziano nella storia del club, avendo realizzato a 37 anni e 234 giorni. Ha strappato il record a Oliver Reck. Dettaglio: di mestiere Reck faceva il portiere.
I MIGLIORI MARCATORI 🔥

Con Lewandowski ovviamente fermo ai box e dunque ancora a 35, la corsa si sposta sul secondo posto: non segna Haaland, ma segna André Silva, che sale a 22, uno più del norvegese. Sempre quarto Weghorst. Arriva in doppia cifra Lucas Alario a quota 10. Uno in meno per Schick, 9.

LA CLASSIFICA 📃

Dopo la 27ª giornata della Bundesliga 2020/21, il Meisterschale sembra aver preso la strada della Baviera per il nono anno filato. Il Lipsia rimane a -7 e deve guardarsi anche le spalle da un Wolfsburg che continua a correre veloce. L’Eintracht stacca il Dortmund, che viene anche raggiunto dal Leverkusen a quota 43. Dietro di loro si forma un trio con Union, Stoccarda e Gladbach che verosimilmente si giocheranno il settimo posto insieme al Friburgo. L’Augsburg fa un altro passo verso la salvezza, Hoffenheim e Werder scherano col fuoco. Un punto per Hertha, Mainz e Arminia in fondo, ma si sposta poco.

27ª giornata Bundesliga 2020/21
La classifica alla 27ª giornata della Bundesliga 2020/21.

Iago, il terzino dell’Augsburg che piace alle big

Iago augsburg

Se una realtà piccola come quella dell’Augsburg milita in Bundesliga consecutivamente da dieci stagioni uno dei motivi, forse il principale, è l’attenzione dedicata sul mercato alle giovani promesse. Iago Amaral Borduchi, conosciuto semplicemente come Iago, è il classico esempio di questo modo di operare dei bavaresi, guidati sul mercato dall’ex Juventus Stefan Reuter.

Iago, brasiliano classe 1997, si fa conoscere in patria con l’Internacional di Porto Alegre, che lo scopre a sedici anni nelle giovanili della squadra della sua città natale, Monte Azul Paulista. I dirigenti biancorossi sono colpiti da quelle che restano anche oggi le sue principali caratteristiche. Si tratta di un terzino dotato di un mancino raffinato, efficace nei cross vista anche la buona capacità di spinta sulla corsia. Ma anche attenzione in fase difensiva, resistenza e applicazione tattica. Forse fisicamente un po’ “leggero”, ma è un aspetto su cui continua a lavorare dai tempi di Porto Alegre.

Nell’estate del 2018, quando appena ventunenne aveva già trovato spazio nella “top-11” del Brasilerao, si fa avanti il Benfica. La trattativa con l’Internacional non va però a buon fine, anche per la resistenza del club brasiliano, in piena corsa per le zone altissime della classifica (a fine torneo arriverà infatti la qualificazione alla Libertadores).

Così l’anno successivo è l’Augsburg a portare Iago in Germania sborsando oltre sei milioni di euro, cifra non da poco per il club bavarese. La prima stagione come previsto serve al brasiliano per ambientarsi nel calcio europeo. Due infortuni, uno a inizio stagione e l’altro alla fine, e l’ottimo rendimento di Philipp Max, fanno sì però che Iago scenda in campo soltanto 10 volte. Si toglie comunque la soddisfazione di realizzare il primo gol in Bundesliga, a dicembre nel 2-4 a Sinsheim.

Dopo la partenza del figlio di Martin diventa titolare e gioca dall’inizio in 14 delle prime 19 giornate, a ottimi livelli. Poi a fine gennaio, durante la sfida persa al Westfalenstadion, si infortuna alla caviglia. Ora è tornato a disposizione e dovrà riconquistarsi il posto sulla corsia mancina, che Heiko Herrlich nel frattempo ha affidato a Mads Pedersen.

Iago ha tutte le carte in regola non solo per ritornare decisivo all’Augsburg, ma anche per puntare ad una convocazione nella Seleção. Fa già parte dell’Under 23, la selezione olimpica, con la quale giocherà a Tokyo insieme ad altri nomi nuovi del calcio tedesco come Paulinho o Matheus Cunha.

Intanto i grandi club continuano a monitorarlo. Il Milan ad esempio lo tiene d’occhio dai tempi dell’Internacional e sembra che la scorsa estate sia stato più il passaporto da extracomunitario (le pratiche per diventare comunitario dovrebbero risolversi a breve) che il prezzo chiesto dall’Augsburg a non far affondare il colpo ai dirigenti rossoneri. Ma l’asta per Iago sembra solo all’inizio.

🗞 BundesCafé review, 26ª giornata – Inevitabile Lewa, bagarre salvezza

26ª giornata Bundesliga 2020/21

La 26ª giornata della Bundesliga 2020/21 si è conclusa con un bilancio di 4 vittorie in casa, soltanto un pareggio e 4 vittorie in trasferta. 30 goal segnati in totale, 3,33 di media a partita.

26ª giornata Bundesliga 2020/21
I risultati della 26ª giornata della Bundesliga 2020/21.

IL TOPSPIEL 💥

Il sentitissimo Südderby tra Bayern Monaco e Stoccarda doveva essere una partita equilibrata e per 12 minuti lo è stata. Poi l’espulsione di Alphonso Davies ha cambiato le cose. Non in favore dello Stoccarda, ma per i padroni di casa, che hanno schiacciato il bottone della concentrazione e chiuso il primo tempo in vantaggio 4-0. Che poi è stato anche il risultato finale.

L’MVP 👑

Inevitabile. Robert Lewandowski ha segnato una tripletta perfetta nel giro di 23 minuti: destro, testa, sinistro. Poi Flick lo ha tolto dopo 70 minuti per non sprecare le sue energie preziose. Il suo lo ha fatto: 35 in stagione, sempre più vicino al record di Gerd Müller.

L’ALTRO PROTAGONISTA 🎖

Ci sarebbe un’altra squadra che ha segnato 4 goal nel suo primo tempo: l’Eintracht Francoforte, che ha distrutto l’Union Berlino 5-2 giocando con due punte, due ali e un trequartista. Premiamo soprattutto Filip Kostic, autore di un goal e un assist, vera spina nel fianco per il club di Köpenick.

LA TOP 11 📐

Ortega (Arminia); Lainer (Gladbach), Zeefuik (Hertha), Günter (Friburgo); Kruse (Union), Gnabry (Bayern), Jakobs (Colonia), Kostic (Eintracht); Haaland (Dortmund), Lewandowski (Bayern), André Silva (Eintracht). All. Flick (Bayern)

IL VOLTO NUOVO 🆕

19 anni e tanta personalità. Il Dortmund conosce un nuovo classe 2002, Ansgar Knauff, esterno prevalentemente destro, è entrato in campo all’80’ al posto di Meunier e ha regalato ad Haaland il pallone del 2-2 finale contro il Colonia, dopo un super dribbling. Aveva esordito anche in Champions League.

LA SORPRESA 😮

Ci aspettavamo un minimo di attenzione in più in vista della supersfida tra Lipsia e Bayern Monaco. E invece… Il Lipsia non avrà Kevin Kampl, ammonito contro l’Arminia da diffidato e quindi squalificato. Il Bayern invece non avrà Alphonso Davies, espulso contro lo Stoccarda, e Jérôme Boateng, ammonito da diffidato. Toccherà a Süle ed Hernandez rimpiazzarli.

LA STATISTICA 📊

I primi tempi della quattro gare delle 15.30 del sabato della 26ª giornata della Bundesliga 2020/21 hanno prodotto un totale di 15 goal. Peccato che poi nei secondi tempi ne siano arrivati solo 3.

LA CITAZIONE 🎙

Dopo 7 sconfitte consecutive il Borussia Mönchengladbach ha trovato il successo contro lo Schalke 04. Per Marco Rose è stato un bel sospiro di sollievo.

“Ci siamo tolti un piccolo peso…”

LA FOTO 📸

Erling Haaland non ha preso benissimo il pareggio contro il Colonia. Subito dopo il fischio finale ha lanciato la sua maglia a Jorge Meré, con cui nei 90′ aveva duellato, e se n’è andato negli spogliatoi senza guardare in faccia nessuno. Non sappiamo se la maglia lanciata sia stata una promessa o una provocazione.

La dura reazione di Erling Haaland al termine del 2-2 col Colonia.

LA CURIOSITÀ 🧐

Stavolta niente di positivo da raccontare, ma un episodio di razzismo da denunciare di cui è stato vittima Jude Bellingham. 17 anni. Siamo con te, Jude!

I MIGLIORI MARCATORI 🔥

Robert Lewandowski continua nel suo personalissimo duello con Gerd Müller salendo a quota 35. Dietro di lui André Silva ed Erling Haaland entrambi a 21 dopo le doppiette di sabato. Avanza anche Weghorst, che segna al Werder e sale a 17: è il quarto giocatore nella storia del Wolfsburg a segnare 50 goal per il club in Bundesliga, dopo Dzeko, Grafite e Klimowicz. Sale a 11 Stindl. In doppia cifra arriva anche Max Kruse, che con la doppietta all’Eintracht sale a 10.

Si deve purtroppo fermare a 11 per quest’anno Silas Wamangituka, che si è rotto il crociato e ha finito la sua  stagione in anticipo.

LA CLASSIFICA 📃

Dopo la 26ª giornata della Bundesliga 2020/21, il Bayern Monaco mantiene il +4 sul Lipsia. Vincono tutte le prime quattro: successi importanti anche per Wolfsburg ed Eintracht (47 punti dopo 26 partite sono un record per il club). Svaniscono probabilmente i pochi sogni di Champions di Union e Stoccarda, il Dortmund e il Leverkusen perdono punti importanti. Il Friburgo vince e si mette forse definitivamente in salvo. In coda vittorie pesantissime per Hertha e Mainz, il Colonia fa quel che può, brutta frenata per l’Arminia in questo senso, che rimane in zona rossa.

26ª giornata Bundesliga 2020/21
La classifica dopo la 26ª giornata della Bundesliga 2020/21.

🗞 BundesCafé review, 25ª giornata – Il Bayern allunga, caos in coda

25ª giornata Bundesliga 2020/21

6 successi interni, 2 vittorie in trasferta e un pareggio nella 25ª giornata della Bundesliga 2020/21. 26 goal segnati, per una media di 2,89 a partita.

25ª giornata Bundesliga 2020/21
I risultati della 25ª giornata della Bundesliga 2020/21.

IL TOPSPIEL 💥

L’attesa sfida tra Eintracht Francoforte e Lipsia ci ha fatto divertire, anche se non è stata davvero scintillante come ci si poteva aspettare. Alla fine l’1-1 finale non ha accontentato la squadra di Nagelsmann, che si è fermata perdendo due punti dal Bayern, ora capolista con un vantaggio di quattro punti, che significa poter perdere lo scontro diretto senza venir sorpassato. L’Eintracht invece infiamma la corsa Champions, come vi abbiamo raccontato qui.

L’MVP 👑

Un goal e due assist contro lo Schalke 04 quest’anno forse valgono meno che in altre situazioni, ma ci sembra giusto premiare Wout Weghorst come migliore della giornata per la sua prestazione a 360 gradi. Ha permesso al Wolfsburg di ripartire dopo due sconfitte in fila tra campionato e coppa e di tenere le distanze sulle inseguitrici in zona Champions. E ha segnato 16 goal stagionali, tanti quanti lo Schalke.

L’ALTRO PROTAGONISTA 🎖

Il colpaccio dell’Arminia Bielefeld sul campo del Leverkusen è tutto giapponese e porta la firma soprattutto di Ritsu Doan. Vi avevamo già raccontato del suo talento in passato. Lo ha confermato in una situazione delicatissima, permettendo all’Arminia di vincere un match fondamentale per sperare nella salvezza.

LA TOP 11 📐

Gikiewicz (Augsburg); Trimmel (Union), Morey (Dortmund), Baku (Wolfsburg); Doan (Arminia), Maier (Arminia), Müller (Bayern), Forsberg (Lipsia); Lewandowski (Bayern), Kalajdzic (Stoccarda), Weghorst (Wolfsburg). All. Kramer (Arminia)

IL VOLTO NUOVO 🆕

Nel momento disastroso, lo Schalke sta provando a inserire i giovani in prima squadra. Ultimo della serie il trequartista classe 2002 Mikail Maden, che ha fatto la sua prima apparizione per cinque minuti. Un po’ poco, per ora, ma ci sarà tempo per lui soprattutto l’anno prossimo.

LA SORPRESA 😮

Non vogliamo muovere accuse a nessuno, ma diciamo che la scelta cromatica delle divise di Augsburg e Gladbach dell’anticipo del venerdì non è stata propriamente azzeccata…

LA STATISTICA 📊

Robert Lewandowski è diventato il secondo miglior marcatore nella storia della Bundesliga agganciando Klaus Fischer a quota 268. Il sorpasso ormai è solo questione di tempo. E punta dritto a Gerd Müller e ai suoi 365.

LA CITAZIONE 🎙

Dietmar Hamann, ex centrocampista di Liverpool e Bayern, oggi uno degli opinionisti di punta di Sky Sport, ha distrutto lo Schalke in una frase.

“Ciò che si permettono di fare questi giocatori è una vergogna per il club”.

LA FOTO 📸

L’urlo di Marco Reus dopo il duro contrasto di Darida che è costato l’espulsione del centrocampista ceco. Fortunatamente per il capitano del Dortmund ci sarà soltanto qualche giorno di stop, nessun infortunio grave. Anche se la scena ha fatto tremare tutti i tifosi del Dortmund.

Fonte: Imago/OneFootball

LA CURIOSITÀ 🧐

Non sappiamo se sia una questione commerciale, comodità o superstizione, però Lewandowski contro il Werder ha giocato il primo tempo con le scarpe Puma e il secondo con le scarpe Nike. Con le Puma ha preso solo un legno, con le Nike ne ha presi altri due e poi ha pure segnato.

I MIGLIORI MARCATORI 🔥

Robert Lewandowski segna ancora e sale a quota 32, a -8 dal record di Gerd Müller di 40 reti. Non segnano Haaland e André Silva, sale invece a 16 Weghorst. Goal numero 13 per Kalajdzic. Salgono a quota 8 anche Schick, Gnabry e Max Kruse.

LA CLASSIFICA 📃

Dopo la 25ª giornata della Bundesliga 2020/21, il Bayern Monaco riesce ad allungare di due punti sul Lipsia consolidando la prima posizione in classifica. Wolfsburg ed Eintracht mantengono le posizioni, mentre il Dortmund sorpassa il Leverkusen. Prova a inserirsi in zona Europa anche lo Stoccarda. Tanti cambiamenti a fondo classifica: il Mainz vince, ma anche l’Arminia risponde. Perdono invece Hertha e Colonia. Sembrano essere queste quattro le squadre che si giocheranno i due posti salvezza e il terzultimo valevole per lo spareggio. Una invece accompagnerà direttamente lo Schalke in Zweite.

25ª giornata Bundesliga 2020/21
La classifica dopo la 25ª giornata della Bundesliga 2020/21.

Hertha-Augsburg, la prima volta contro per Sami e Rani Khedira

sami rani khedira

La partita tra Hertha e Augsburg sarà un crocevia importante per capire quanto le due squadre dovranno soffrire per ottenere la salvezza. Ma c’è un altro motivo di interesse intorno alla sfida dell’Olympiastadion: per la prima volta in Bundesliga si affronteranno i fratelli Khedira, Sami contro Rani. Anche se in campo forse non ci saranno, uno per infortunio e l’altro per scelte tecniche, la partita è comunque a suo modo storica. Specialmente per mamma e papà.

Come avevamo visto in un precedente articolo in Bundesliga ci sono tanti esempi di fratelli minori sulle orme dei più famosi maggiori e questo è uno dei più evidenti. Anche perché vederli contro sarà una novità assoluta.

Sami e Rani Khedira hanno sette anni di differenza. Madre tedesca e papà tunisino, crescono in una piccola città a nord di Stoccarda. Hanno un altro fratello, Denny, anche lui legato al mondo dello Sport (è laureato in Gestione dello Sport). Sicuramente la famiglia Khedira non era benestante, ma come ha dichiarato lo stesso Sami “è stata una grande infanzia”.

Sami Khedira, classe 1987, oltre a essere conosciuto a livello mondiale anche per essere diventato campione del Mondo nel 2014 con la Mannschaft (a segno anche nell’1 a 7 del Mineirazo), è uno dei calciatori più vincenti in circolazione. Sono 20 i trofei conquistati tra nazionale, Stoccarda, Real Madrid e Juventus.

A soli otto anni entra a far parte della florida accademia giovanile degli svevi. La svolta della carriera avviene grazie ad un allenatore che stava per scrivere la storia del club: Armin Veh. Il tecnico infatti decide di promuovere il giovane centrocampista in prima squadra all’inizio della stagione 2006/2007, facendolo già esordire proprio contro il suo attuale club, l’Hertha, alla sesta giornata. Il resto è storia: 8 vittorie consecutive nelle ultime 8 giornate permettono allo Stoccarda di superare lo Schalke di Mirko Slomka e di vincere il quinto titolo della propria storia. Il ventenne Khedira è decisivo: padrone del centrocampo, segna 4 gol, tra cui quello di testa all’ultima giornata contro l’Energie Cottbus. È la rete del 2 a 1, grazie al quale il Meisterschale torna in Svevia dopo quindici anni.

Poi nell’estate del 2010 la chiamata a cui non si può dire di no. Il Real Madrid versa nelle casse dello Stoccarda quattordici milioni di euro e Sami si trasferisce in Spagna. Intanto il fratello minore Rani ha sedici anni e gioca, anche lui come centrocampista, nell’Under-17, ovviamente dello Stoccarda. Con la prima squadra l’esperienza sarà però breve: qualche apparizione nella stagione 2013/2014 e poi la cessione al giovane Lipsia targato Red Bull, già arrivato fino alla Zweite. Il secondo anno in Sassonia può festeggiare la prima storica promozione in Bundesliga del club e dopo una stagione poco fortunata sotto la guida di Ralph Hasenhüttl passa all’Augsburg.

Nel frattempo Sami ha vinto tutto con il Real Madrid, lasciato nel mercato estivo del 2015 per trasferirsi in Serie A, alla Juventus, dove continuerà a riempire la bacheca di trofei. A Torino gli infortuni lo tormentano e a gennaio, alla soglia dei trentaquattro anni, decide di tornare in Bundesliga dopo più di dieci stagioni.

Sabato Sami e Rani Khedira si affronteranno per la prima volta arrivando da due situazioni molto diverse. Rani dopo tre stagioni da protagonista e un inizio promettente sembra aver perso la titolarità, a maggior ragione dopo l’arrivo di Bénes dal Gladbach. Ora si è anche cominciato a parlare di addio a fine anno. Sami invece grazie ad esperienza e carisma ha ridato speranza all’Hertha, al di là dei risultati. Se giocheranno entrambi si troveranno a duellare in mezzo al campo. Senza mai risparmiarsi e sempre con correttezza. Come insegnato da mammà Doris e papà Lazhar.

Non soltanto Monaco: la Baviera e i suoi derby

derby Baviera

Norimberga-Ingolstadt non è stato solo uno spareggio tra  Zweite e 3. Liga lo scorso luglio, ma anche uno dei tanti derby di Baviera. Non solo Bayern contro 1860. Qui raccontiamo le altre sfide tra i club di una regione che in 57 anni di Bundesliga ha portato sette squadre in massima serie.

Bayern-Norimberga, rivalità dal sapore antico – I neocampioni di Germania e “Der Club” sono le due squadre più titolate di Baviera. La prima volta che si sono incontrate era il 1901 e fino al termine degli Anni Sessanta, il Fränkisch-Bayerisches Derby, il derby francone-bavarese era una sfida di vertice. L’ultimo incrocio è stata un’amichevole organizzata nel gennaio 2020 (5-2 per il Norimberga), mentre l’ultimo match ufficiale risale alla Bundesliga 2018-2019. In quell’ultima circostanza fu un pareggio per 1-1. “Der Club”, che è stato per quasi 60 anni la squadra tedesca più titolata prima di passare lo scettro proprio al Bayern, non batte i cugini bavaresi dal 2007, da uno 0-3, firmato Saenko, Schroth e Vittek.

Norimberga-Greuther Fürth, il derby della Franconia – Distano circa dieci chilometri uno dall’altra e addirittura nel 1912 le autorità locali proposero agli abitanti di Fürth di unirsi alla città vicina, con questi ultimi che rifiutarono. Norimberga-Greuther, disputatasi anche nella stagione 2019-2020 di Bundesliga, è il derby della Franconia, la zona della Baviera dove i due centri si trovano. Si è giocata tra campionato e coppe per 254 volte, a partire dal 1904, proprio negli anni dove sorse la rivalità, visto che a quell’epoca entrambe si giocavano regolarmente il titolo regionale e nazionale. È lo scontro diretto più disputato della storia del calcio tedesco. E quest’anno ha inguaiato il Norimberga.

Monaco 1860-Augsburg, sfide da record – Non si affrontano dal 2011, anno della storica promozione dell’Augusta in Bundesliga. I “Leoni” di Monaco, che nella loro città hanno sfidato nelle stracittadine il Bayern ma anche il semisconosciuto Wacker München, hanno una fiera rivalità con il FCA. Match appassionati, che portavano, anche per la vicinanza geografica delle due città, molti tifosi allo stadio. Il 15 agosto 1973, al quasi neonato “Olympiastadion” furono più di 80mila, un record per quell’impianto. Era la prima sfida ufficiale tra i due club ed era la Regionalliga Süd, la seconda divisione. È il massimo campionato in cui Monaco 1860 e Augsburg si siano mai incontrati, visto che non si sono mai affrontati in Bundesliga.

Ingolstadt, Augsburg e Jahn Regensburg, rivalità recenti – L’Ingolstadt, protagonista della sfida con il Norimberga, ha due “avversari” locali, dove la contrapposizione è sentita soprattutto dai suoi ultras, senza tuttavia episodi di violenza. Il primo è l’Augsburg, con cui ci sono stati anche quattro incontri in Bundesliga, tra il 2015 e il 2017, il secondo è lo Jahn Regensburg, con cui dà vita al “Derby del Danubio”.

Derby cittadini “dimenticati” – Al di là di Monaco, anche in altre città della Baviera, si sono disputate delle stracittadine. Per esempio a Würzburg, dove nel 1977-1978 si giocò in 2. Bundesliga Süd Würzburger FV e Würzburger Kickers o a Fürth, teatro nel 1996-1997 in Regionalliga Süd di Greuther- SG Quelle Fürth. Anche Augsburg e Ingolstadt ebbero i loro derby cittadini, rispettivamente tra TSV Schwaben Augsburg e BC Augsburg e tra MTV e ESV Ingolstadt. Ora non disputano più per una semplice ragione: quelle società si sono fuse tra loro dando vita ai club attuali.

Lo strano caso dell’Unterhaching – Tra tutte le squadre della Baviera una ha un rapporto particolare con i derby. È l’Unterhaching, espressione di un sobborgo di Monaco. Ha sfidato, sia il Monaco 1860 (anche nel 2019/2020 in 3.Liga) che il Bayern. E i campioni di Germania li ha pure battuti del febbraio 2001. 1-0 con gol di Mirosław Spiżak, dopo aver regalato il titolo un anno prima. Tuttavia la rivalità è soprattutto che il 1860, anche per la differenza di categoria con il Bayern.