📓 Gli appunti di Spagna-Germania 6-0: 10 spunti dal disastro di Siviglia

Spagna germania 6 0

Una serata nera come non se ne vedevano da anni. Forse neanche al Mondiale del 2018. Spagna-Germania 6-0 entra nella storia della Mannschaft come una delle peggiori prestazioni in assoluto. Era dal 1931 che la Germania non subiva una sconfitta così pesante. Peggio soltanto nel 1909 contro l’Inghilterra. I nostri appunti sulla disfatta della Germania in Spagna.

Uno. Le marcature sui calci piazzati sono un problema apparentemente risolvibile, ma che da tempo affligge la Germania. Il fatto che Gnabry e Gündogan, due tra i meno fisici in campo, marchino due pericoli nel gioco aereo come Morata e Rodri non ha alcuna spiegazione logica.

Due. In Spagna-Germania è emersa la totale assenza di marcature preventive, altro problema atavico degli ultimi tre anni, spesso risolto gestendo palla più degli avversari, anche a costo di addormentare il gioco. Tralasciando il secondo tempo, nel quale Löw ha adottato uno schieramento tattico puramente folle.

Tre. Lo avevamo già detto un mese fa: la Germania deve scegliere un sistema e cavalcarlo. Nonostante il 4-3-3 visto contro l’Ucraina avesse dato buone risposte con Koch da mediano che spesso si abbassava la difesa, l’alternanza di moduli ha fatto soltanto danni e creato confusione anziché dare certezze a una squadra che di certezze ne ha sempre avute relativamente poche a livello di collettivo.

Quattro. All’intervallo la Germania aveva un estremo bisogno di lucidità, di qualcuno in grado di tenere palla, gestire tempi e ritmi, mentalmente solido. Con due ottimi gestori del pallone come Dahoud e Neuhaus, perché inserire un confusionario come Tah e tenere in campo un Koch chiaramente in confusione? Al netto della necessità di dover cambiare Süle, per motivi fisici.

Cinque. L’assenza di Kimmich a centrocampo pesa come un macigno e si sapeva dal Klassiker. Più che a livello tattico, però, il vero buco è stato a livello di personalità. Squadra inerme senza quello che, insieme a Neuer, è di gran lunga il giocatore con più carisma in campo.

Tweet che puoi sentire.

Sei. Oltre al classe 1995 del Bayern gli altri infortuni non possono essere considerati come determinanti, se non forse quello di Havertz, comunque non ancora un giocatore di personalità e con la maturità di cambiare la partita con una giocata. Quella spettava a Gnabry e Sané, a Gündogan e Kroos.

Sette. Nel discorso del carisma si inserisce ovviamente quello dell’esclusione di Boateng, Hummels e Müller, tre veterani lasciati a casa da marzo 2019 per lanciare il ricambio generazionale. In generale è una scelta che può essere condivisibile, ma prestazioni come quelle di Siviglia non depongono in favore del modo in cui Löw ha deciso di sbarazzarsene: aprioristicamente. Nonostante in difesa i “suoi” uomini non migliorino.

Otto. Discorso diverso invece a centrocampo, dove cresce la sensazione che Toni Kroos abbia dato. Tra i giocatori più in ombra negli ultimi due anni, spesso svogliato, lento, macchinoso, con una serie di palloni persi non invidiabile. Uno dei grandi problemi sembra proprio essere il calo di rendimento del centrocampista del Real Madrid, sul quale non si può più fare affidamento.

Nove. La realtà dei fatti dopo Spagna-Germania evidenzia una volta di più che Joachim Löw non ha più futuro come allenatore della nazionale tedesca. Nonostante un contratto in scadenza dopo il Mondiale del 2022. Una sensazione che con ogni probabilità vaga silenziosamente da tempo nei corridoi federali.

Dieci. Rimarrà probabilmente un interrogativo irrisolto fino a marzo, visto che le nazionali si prenderanno una pausa, ma è certo che qualcuno pagherà questa sconfitta, sia in dirigenza (Bierhoff particolarmente esposto) sia a livello di convocazioni (Koch e Tah tra i primi convocati, ma anche Kroos, i tre attaccanti). Visto che questo non può essere considerato un passaggio a vuoto, le gerarchie della Germania rischiano di essere totalmente scombussolate. Anzi, probabilmente vanno totalmente riviste. A sei mesi dall’Europeo, non proprio il miglior scenario possibile.

Un pensiero riguardo “📓 Gli appunti di Spagna-Germania 6-0: 10 spunti dal disastro di Siviglia

Rispondi