Kaan Ayhan, lo stopper con il vizio del gol arriva al Sassuolo

Kaan Ayhan

Kaan Ayhan fa parte di una generazione “d’oro” per il calcio turco: la nazionale allenata da Güneş, infatti, può vantare alcuni dei difensori più promettenti del panorama calcistico internazionale. Kabak, Söyüncü, Müldür, Demiral e, appunto, Ayhan sono difensori dalle qualità eccellenti, che non sono di certo passate inosservate. Gli ultimi tre, non a caso, sono arrivati in Italia, al Sassuolo, che con l’acquisto di Ayhan ha fatto ancora una volta “la spesa” in Germania: due anni fa dal Francoforte era arrivato Boateng, mentre l’anno scorso Toljan, che ha fatto abbastanza bene al suo primo anno in Serie A.

Ayhan, però, non è un giocatore “sconosciuto” alle squadre italiane. L’anno scorso, infatti, era stato molto vicino a trasferirsi all’Atalanta, che, però, non era riuscita a convincere il Fortuna Düsseldorf. Durante quest’estate, inoltre, sembrava che la Roma avesse puntato con convinzione su di lui, salvo poi lasciarlo andare per concentrarsi sul riscatto di Smalling. Alla fine si è inserito il Sassuolo di De Zerbi, che con lui spera finalmente di trovare quella solidità difensiva che tanto è mancata nel corso di questa stagione.

L’ormai ex Fortuna Düsseldorf, dopotutto, è sempre stato un difensore affidabile. Nato e cresciuto a Gelsenkirchen, Ayhan entra nel settore giovanile dello Schalke ad appena 5 anni, dove si afferma come uno dei più luminosi prospetti del calcio tedesco, segnando 39 gol in 99 partite con l’U17 e l’U19 dei Knappen. Numeri impressionanti per un giocatore che si alterna tra il ruolo di mediano davanti alla difesa e quello di difensore centrale, che alla sua ultima stagione nelle giovanili va a addirittura in doppia cifra con 15 gol. L’esordio con la prima squadra arriva il 5 ottobre del 2013, con Ayhan che nella seconda parte di stagione si afferma persino come il titolare della difesa dello Schalke, mantenendo questo ruolo fino alla prima metà della stagione successiva, quando a causa dei frequenti problemi fisici perde il posto da titolare, scivolando in panchina, fino a quando non si trasferisce in prestito al Francoforte, dove, però, non riesce a riprendersi.

Arriva quindi il Fortuna Düsseldorf, che decide di scommettere 500mila euro su quel centrale che nel frattempo ha scelto di rappresentare la Turchia, conscio del fatto che con il Mannschaft di Löw avrebbe fatto fatica ad affermarsi. Le successive tre annate sono estremamente positive per il Düsseldorf, che riesce a ritornare in Bundesliga dopo cinque anni di assenza, e soprattutto per Kaan Ayhan, che, sia con Funkel che con Rösler, si afferma come il leader della difesa dei Flingeraner, garantendo solidità, affidabilità e soprattutto un buon numero di gol e assist.

Ed è stato probabilmente quest’ultima caratteristica, che ha sempre contraddistinto Ayhan, a convincere il Sassuolo a spendere 2,5 milioni di euro, un prezzo di saldo, per portarlo in Italia. Sui calci d’angolo, infatti, è una sentenza, e lo stesso vale per i calci di punizione, di cui è uno specialista, come il suo connazionale Çalhanoğlu. Ciononostante, l’ex Schalke è anche tanto altro: difensore estremamente duttile (può giocare anche da terzino), dotato di buon fisico e grande atletismo, Ayhan si distingue per l’ottima tecnica di base, che gli ha permesso di disimpegnarsi con abilità anche nel ruolo di mediano specialmente nelle prime fasi della sua carriera. Tuttavia, il suo habitat naturale è al centro della difesa, sia a tre che a quattro, dove la sua eccellente visione di gioco lo rende un punto di riferimento imprescindibile per i suoi compagni. Per queste caratteristiche, Kaan Ayhan è un giocatore estremamente interessante in chiave fantacalcio, poiché potrebbe garantire un buon numero di bonus in rapporto al prezzo, che dovrebbe essere relativamente basso.

Rispondi