I colpi di mercato della Bundesliga che vi siete persi

Robin Koch

Weston McKennie è ufficialmente un nuovo giocatore della Juventus. Il centrocampista statunitense lascia lo Schalke 04 dopo quattro anni e 91 presenze in gare ufficiali. 4,5 milioni di euro per il prestito, 18,5 per il diritto di riscatto – che secondo ‘Sky’ in Germania diventa obbligo se la Juve si qualificherà in Champions League – più 7 milioni di bonus.

Robin Koch lascia il Friburgo dopo tre grandi anni per unirsi al Leeds. Il nazionale tedesco vola in Inghilterra per 13 milioni più bonus. Aveva un contratto in scadenza nel 2021. Interessava a tantissimi club in giro per l’Europa: ha scelto la Premier per consacrarsi dopo essersi formato con Streich. Possibile venga impiegato a centrocampo più che in difesa.

Il Bayern Monaco rinforza anche il settore giovanile con un colpo ad effetto: nell’Under 17 arriva lo scozzese Barry Hepburn, ala ex Celtic, classe 2004, tra i più promettenti della sua generazione: velocità e dribbling, doti tecniche fuori dal comune per uno della sua età, che ha appena compiuto 16 anni. Raggiunge Morrison, altro scozzese, classe 2003, prelevato sempre dal Celtic un anno fa.

Era arrivato per sostituire Jovic, non è andata benissimo. Ora Dejan Joveljic, dopo i pochi mesi all’Anderlecht con poca fortuna, riparte dall’Austria. Lascia l’Eintracht Francoforte in prestito secco per giocare in prestito al Wolfsberger e provare a trovare spazio e minuti.

Simon Makienok è il nuovo attaccante del St. Pauli, che sostituisce Veerman, ceduto negli scorsi giorni. L’ex Palermo arriva dopo aver giocato gli ultimi 6 mesi alla Dynamo Dresda (vi avevamo parlato di lui lo scorso marzo).

Luca Plogmann, giovane portiere di proprietà del Werder Brema, ha prolungato il contratto con i biancoverdi ed è andato in prestito al Meppen, in 3.Liga. È uno dei giovani portieri più interessanti ed è nel giro delle nazionali giovanili tedesche.

Toni Leistner ritorna in Germania, anche se non in Bundesliga. L’ex colonna dell’Union Berlino, visto in massima serie con il Colonia lo scorso anno da gennaio in poi (con risultati alterni), ha lasciato il QPR a parametro zero per firmare un biennale con l’Amburgo. Acquisto di lusso per i Rothosen alla ricerca della promozione.

Dopo due anni con l’Hertha Berlino, Pascal Köpke, figlio d’arte, torna in Zweite e si unisce al Norimberga, club nel quale è cresciuto giocando dal 2003 al 2013 prima di esplorare altri lidi. A Berlino soltanto 13 presenze e un goal.

Rispondi