Eren Dinkci, da Brema (alla Juventus?) con goal e furore

eren dinkci Juventus

A Brema negli ultimi anni sono abituati a produrre giocatori di ottimo talento. I fratelli Eggestein, Sargent, Selke. Alcuni, invece, li hanno solo sognati. Come Julian Brandt. Il giocatore che più di tutti viene rimpianto dai tifosi del Werder. Nato a Brema, passato dal Borgfeld – piccola società dell’omonimo distretto di Brema – attenzionato dal club. Poi, però, trasferitosi al Wolfsburg. Infine al Leverkusen. Oggi i grünweiß stanno riponendo le speranze per il futuro su un altro talento passato dal Borgfeld. Si chiama Eren Dinkci e ha fatto parlare di sé per due motivi: segna caterve di goal e piace alla Juventus.

Secondo l’edizione tedesca di ‘Sky Sport’ l’attaccante classe 2001 sarebbe entrato nei radar bianconeri: il piano dei campioni d’Italia sarebbe quello di prendere il giocatore in prestito con diritto di riscatto e farlo giocare nella propria Under 23, nella Serie C italiana. A spaventare il Werder c’è infatti un contratto in scadenza 2022 e la forte tentazione del giocatore di provare ad andare altrove per lanciarsi. Perché la Zweite Liga può essere sì un’opportunità, ma anche una limitazione. Dipende dai punti di vista.

Björn Schierenbeck, direttore del settore giovanile del Werder, al ‘Weser-Kurier’ ha affermato che Eren Dinkci potrebbe rimanere a Brema e non è a conoscenza di nessun interesse della Juventus. Una rassicurazione che non ha del tutto tranquillizzato gli animi dei tifosi. Anche perché il giovane attaccante turco – veste anche la maglia della nazionale Under 19, ma ha doppio passaporto – è uno che in 20 partite nel campionato degli Under 19 ha segnato 22 goal e fornito 12 assist. Ha stupito tutti.

Il diciottenne turco, sicuramente, tende a farsi notare in campo: dotato di centimetri e gran fisico, sa giocare anche spalle alla porta e ci abbina anche un’ottima velocità e soprattutto tecnica. Gioca più spesso come attaccante centrale ma in qualche occasione ha anche fatto l’esterno, ruolo comunque meno adatto alle sue caratteristiche. Certo saltare l’uomo a livello giovanile non è un problema per lui, anche se tra i pro potrebbe riscontrare maggiori difficoltà.

Nell’Under 19 del Brema – in cui gioca anche Fabian Straudi, fratello minore di Simon – Dinkci faceva coppia con Nick Woltemade, altro talento del Werder classe 2002 da 16 gol e 7 assist. Quasi superfluo dire che la squadra allenata da Marco Grote stava dominando il proprio girone, prima dell’interruzione. La coppia si è sciolta verso fine campionato, quando Woltemade è entrato ormai in pianta stabile nel giro dei pro.

Anche Dinkci si è allenato in alcune occasioni con la prima squadra e ha preso parte a diverse amichevoli, ma non ha mai ottenuto la convocazione di Florian Kohfeldt per una partita ufficiale. Questione di tempo, sulla carta: il piano del club per l’anno prossimo è mandarlo nell’Under 23 in Regionalliga a farsi le ossa prima di poter arrivare in Bundesliga. Juventus permettendo.

Rispondi