Un anno da record: il Meisterschale del Bayern in numeri

bayern meisterschale

Thomas Müller lo ha definito “il più speciale, il più emozionante, il più intenso”. E se lo dice una leggenda del Bayern Monaco che detiene il record di nove Meisterschale vinti in carriera (pari con Alaba e Ribéry) c’è da fidarsi. Perché forse dopo 10 giornate in pochi immaginavano che potesse finire così. Perché la stagione sembrava essere transitoria. E invece, cambiano le stagioni (di solito festeggiava in primavera), ma non l’epilogo. Il Bayern Monaco è campione di Germania per l’ottava volta consecutiva. #MEI8TER. E già questo è un record, anche se ormai alla serie vincente dei bavaresi ci siamo abituati. 8 titoli in fila, 29 complessivi su 58 da quando è stata fondata la Bundesliga.

La forza della squadra allenata da Hansi Flick è stata indubbiamente l’attacco, quello guidato da super Lewandowski e da Thomas Müller. Quello che ha fruttato un totale da brivido di 100 goal in 34 partite. Soltanto in un’occasione qualcuno ha fatto meglio in Germania: sempre il Bayern, nel 1972. Quando in panchina sedeva Udo Lattek e in campo i goal li segnava Gerd Müller. Per 13 volte il Bayern 2019/20 in campionato ha segnato 4 o più goal alle avversarie. Si tratta di un altro primato, condiviso sempre con il Bayern degli anni ’70, precisamente quello della stagione 1973/74.

Altri confronti, altri Bayern battuti. Neuer e compagni hanno chiuso la Bundesliga con 10 vittorie esterne di fila, una striscia che era riuscita soltanto a Guardiola nel 2014. Pep però non era riuscito a fare un girone di ritorno quasi perfetto come Flick: 16 vittorie – comprese tutte le 9 giocate post Coronavirus – e un pareggio (0-0 col Lipsia), 49 punti su 51, con una differenza reti di +44. Nel 2013, con Jupp Heynckes, la squadra aveva avuto lo stesso rendimento, ma con una differenza reti leggermente peggiore: ‘solo’ +43. Numeri da brivido, che rendono l’idea di che ritmo infernale abbia mantenuto il Bayern Monaco nella sua folle corsa verso il Meisterschale.

Poi ci sono quelli dei singoli. Lewandowski che con 34 goal vince ancora il Torkanone. Joshua Kimmich che chiude la stagione con il record di palloni toccati (3216) e di km percorsi in assoluto in Bundesliga (397,99). Alphonso Davies che raggiunge i 36,53 km/h di velocità massima. Neuer che totalizza 15 clean sheet, record condiviso con il Borussia Dortmund, senza prendere goal contro 11 squadre tra andata e ritorno. Müller re degli assist a 21, battendo il record assoluto di Kevin De Bruyne. Che dire. Più meritato di così.

Rispondi