Tra Dortmund e Argentina: il curioso caso di Balerdi

balerdi

Se cercate su internet una foto di Leonardo Balerdi con la maglia del Borussia Dortmund difficilmente ne troverete una differente da quella di copertina o – se la trovate – sarà con la seconda squadra, quella militante in Regionalliga West. Il motivo di tutto ciò è molto semplice: nonostante sia in Germania da un anno e mezzo, l’argentino non ha mai giocato da titolare con il club tedesco fino all’ultima giornata della stagione in corso, contro l’Hoffenheim.

Balerdi, classe 1999, era una dei difensori più promettenti del Boca Juniors e molti club europei – tra cui la Juventus ed il Barcellona – gli avevano messo gli occhi addosso. Il BVB però è stato molto deciso ad affondare il colpo e presentandosi con una delegazione nella sede Xeneizes ha chiuso l’affare. La cifra di sedici milioni di euro è un esborso notevole per il club, ma è giustificato dall’emergenza dello scorso gennaio, quando Akanji era fuori uso per un problema all’anca. Nonostante questo, il giovane argentino non è riuscito a trovare spazio per esordire in Bundesliga all’inizio. La cosa si è ripetuta anche in questa nuova stagione sebbene Lucien Favre e lo staff mercato del Borussia abbiano deciso di mantenerlo in rosa dopo la partenza di Abdou Diallo. Attualmente è il sesto difensore in rosa dopo Mats Piszczek, Hummels, Emre Can, Manuel Akanji e Dan-Axel Zagadou.

Da quando è arrivato in Europa l’argentino ha collezionato solamente 63 minuti, tutti da subentrato e tutti da dicembre in poi, ma ha guadagnato credito con la sua nazionale. Con l’albiceleste infatti ha disputato il campionato sudamericano U20 e collezionato altre 5 presenze con le giovanili, ma soprattutto è stato convocato dal commissario tecnico Lionel Scaloni nel break di settembre per le partite contro Cile e Messico, prima di diventarne. Ed è proprio contro i messicani che Balerdi ha esordito con la maglia dell’Argentina. Esordio in nazionale prima che con il club di appartenenza.

Il BVB, dal canto suo, ha sempre espresso fiducia nel ragazzo e anche recentemente Sebastian Kehl è tornato sull’argomento dichiarando di essere molto “felici che Leo possa dimostrare le sue capacità nella squadra nazionale argentina e speriamo che questo gli dia una spinta. Avrà le sue possibilità anche con noi”.  Balerdi  è diventato il quinto argentino a vestirela maglia giallonera dopo Patricio Margetic, Leonardo Rodriguez, Juan Fernandez e Diego Klimowicz che ha segnato 6 gol in 39 partite tra il 2007 e il 2009.

Rispondi