Florian Wirtz, il 2003 dei record del Leverkusen

Florian Wirtz leverkusen

Tra Colonia e Bayer è un derby continuo. In campo, come sarà stasera. Sul mercato, anche. E poi per i record. L’effzeh qualche mese fa ha lanciato Thielmann, il primo 2002 a esordire in Bundesliga. Il Leverkusen ha risposto alzando l’asticella e portando nel massimo campionato Florian Wirtz, il primo 2003 a giocare nel massimo campionato tedesco. Peraltro, da titolare. Peraltro, dopo averlo portato via proprio ai rivali Geißböcke.

Con il suo debutto dal 1′ sul campo del Werder Brema, Wirtz a 17 anni e 15 giorni è diventato il più giovane esordiente di sempre nella storia del Bayer Leverkusen. Paradosso: ha battuto Kai Havertz di 111 giorni, colui che al Weserstadion – probabilmente non per vendetta… – si è preso la scena con una doppietta. Tra l’altro, anche Kai aveva esordito contro il Werder.

Florian Wirtz è un trequartista/ala che ha compiuto 17 anni il 3 maggio. Prima non avrebbe potuto esordire, in virtù della regola della DFL che impedisce (salvo situazioni particolari) ai giovani di giocare in Bundesliga prima del compimento dei 17 anni, comunque recentemente cambiata abbassando l’età minima a 16. Solo in due hanno potuto avvalersi dello status di ‘eccezioni’: Nuri Sahin del Dortmund e Yann Aurel Bisseck del Colonia, rispettivamente primo e secondo giocatore più giovane a esordire in Bundes. Wirtz è terzo.

Comunque il talento del Leverkusen si è preso un altro primato personale: è diventato il più giovane marcatore in assoluto nella storia della Bundesliga. 17 anni e 34 giorni, segnando contro il Bayern Monaco.

Il trasferimento di Wirtz dal Colonia al Leverkusen a febbraio ha fatto molto parlare, anche per aver infranto un patto di ‘non belligeranza’ tra Fortuna Düsseldorf, Gladbach, Bayer e Colonia per evitare di portarsi via i giocatori a livello giovanile.

Alla fine il Leverkusen ha infranto il patto, inserendo subito Wirtz nell’Under 19. Con ottimi risultati: due goal e tre assist, impressionando tutti. Compreso Peter Bosz. Con i Geißböcke invece giocava nell’Under 17, con la quale comunque aveva segnato 8 goal.

Il classe 2003 gioca prevalentemente trequartista e ala: è un giocatore tecnicamente pronto che ha ottimo dribbling. Necessita di un po’ di fisicità e ovviamente di più minuti ad alto livello per poter incidere. Contro il Werder, al suo esordio, nonostante un inizio un po’ timido, ha preso fiducia presto e provato anche giocate importanti, di qualità. È rimasto in campo 61 minuti prima di essere sostituito da Bellarabi. L’inesperienza, in generale, si è sentita: 40 palloni toccati, 15 persi. Ma il ragazzo si farà. Garantisce il Bayer.

Già alla vigilia del match Bosz aveva parlato di Wirtz molto bene dicendosi impressionato dal suo talento, già mostrato anche nelle nazionali giovanili della Germania.

“Se si allena con noi, vuol dire che è un buon giocatore. Lo valuto molto, è davvero bravo, assolutamente”.

Il modo migliore per ripagarlo? Una partita da titolare. Mettendo in panchina Bellarabi, Bailey, Alario, Paulinho, Palacios. Un centinaio di milioni e tantissimo talento. E poi altre presenze, fino al goal che lo ha reso il più giovane marcatore nella storia della Bundesliga. Perché Florian Wirtz è già diventato l’uomo dei record del Leverkusen. E non solo.

Un pensiero riguardo “Florian Wirtz, il 2003 dei record del Leverkusen

Rispondi