Baumgartner, la scoperta del nuovo Hoffenheim

Baumgartner Hoffenheim

Uno dei grandi protagonisti della ventottesima giornata di Bundesliga è un ragazzo austriaco classe 1999 dell’Hoffenheim, Christoph Baumgartner. Dopo la ripresa ha confermato il momento di forma che già aveva dimostrato di avere tra gennaio e marzo, continuando a stupire.

Trequartista con caratteristiche da classico numero 10, piedi buoni, visione di gioco e capacità di inserimento stanno facendo la differenza per la squadra di Alfred Schreuder nel 2020, con in più 5 gol e 3 assist da inizio anno. La partita contro il Colonia ne è la conferma: inserimento centrale per concretizzare il cross basso da sinistra di Bruun Larsen in occasione dell’1-0, colpo di testa d’astuzia sul secondo palo su cross dell’altro danese Skov per il 2-0 dopo nemmeno un minuto del secondo tempo. Ma nella sua partita c’è tanto altro: l’assist di tacco per Zuber, la procurata espulsione di Bornauw e una continuità impressionante.

Il lavoro dell’allenatore olandese sta dando i suoi frutti e questo si vede in particolare dalla duttilità che sta acquisendo il giovane austriaco. Baumgartner permette infatti diverse soluzioni tattiche: come trequartista nel 4-3-1-2, come esterno nel 4-3-3, ma anche come mezz’ala sempre nel centrocampo a 3 o come seconda punta.

L’Hoffenheim può davvero sperare con ragionevole certezza di avere in casa un talento pronto ad esplodere ancora di più e le prestazioni lo stanno dimostrando. Baumgartner è il tipico frutto di un lavoro ben fatto su un giovane calciatore: il club di Sinsheim lo ha preso non ancora maggiorenne dalle giovanili del St. Pölten e l’ha cresciuto pazientemente ma dandogli al contempo la possibilità di allenarsi con regolarità con la prima squadra. A convocarlo da inizio 2019 con i “grandi” ci ha pensato Julian Nagelsmann, non proprio l’ultimo arrivato quando si tratta di attaccanti. 

L’esordio in Bundesliga è giunto nelle ultime due giornate della stagione scorsa. Nella seconda è stato ingenuamente espulso a fine primo tempo, risultando decisivo per la sconfitta contro il Mainz. Ma anche questo è servito per farlo maturare e fargli acquisire esperienza. Il nuovo allenatore Schreuder ha completato il percorso, rendendolo sempre più protagonista, al centro del gioco.

Il finale di stagione potrà essere la consacrazione definitiva, anche in ottica nazionale austriaca. Con l’Under-21 ha giocato parecchio e ora sembra essere pronto per la nazionale maggiore, visto anche lo spostamento dell’Europeo nel 2021. E a Sinsheim sanno che per entrare in Europa molto dipenderà dal talento classe ‘99 con il numero 14 sulle spalle. Christoph Baumgartner si è preso l’Hoffenheim.

Rispondi