Le strane idee anti-contagio del medico dell’Hoffenheim

medico

La DFL ha redatto un protocollo di 41 pagine da cui tutto il mondo del calcio ha provato a trarre ispirazione per ripartire. Secondo il Dottor Thomas Frölich, medico dell’Hoffenheim, le misure anti-contagio prese dalla lega tedesca sono però troppo leggere. Tanto che sul ‘Sportärztezeitung’, giornale medico, è arrivato a proporre alcune regole piuttosto curiose.

Anzitutto, evitare assembramenti, specie in area di rigore. Niente più calci d’angolo, solo rimesse laterali. Certo, a quel punto ci si porrebbe il problema delle rimesse laterali lunghe… E poi solo calci di punizione indiretti. A proposito di assembramenti: niente respinta dopo i calci di rigore. 

Inoltre, una gestione diversa dei falli. Fischio a ogni minimo contatto fisico, cercare di evitarli il più possibile. Insomma, fermare il gioco ogni volta che due giocatori infrangono il distanziamento sociale. Più o meno. Il medico consiglia infatti di interrompere i duelli ed evitare contatti fisici stretti e prolungati. Inoltre, evitare strette di mano dopo i falli. In ogni caso è chiaro che “si può comunque dire ‘mi dispiace’ a voce”. Almeno l’educazione, quella non si insegna in un protocollo…

Inoltre, un altro suggerimento: i calciatori dovrebbero indossare obbligatoriamente  mascherina durante le partite, perché “il calcio può essere un buon esempio per gli altri sport”.

Beh, che dire: meno male che la Task Force del Dottor Tim Meyer che ha redatto il protocollo non ha preso in considerazione alcune di queste idee, quantomeno bizzarre.

Rispondi