Come (e perché) si allenano le squadre di Bundesliga

allenamenti Bundesliga

Il calcio è fermo in tutta Europa (tranne in Bielorussia) e in gran parte dei paesi sono state sospese anche tutte le sedute di allenamento, oltre alle partite e ai vari campionati. La Germania fa parzialmente eccezione. Perché se ad esempio abbiamo già ‘conosciuto’ il cyber training del Bayern, diversi club di Bundesliga hanno ripreso gli allenamenti in campo. Ovviamente sotto determinate condizioni.

Le prime squadre a riaprire i centri sono state soprattutto nel Nordrhein-Westfalen. Anche se, per la verità, a rompere la quarantena in anticipo su tutti è stato il Wolfsburg.

Die Wölfe non hanno messo piede in campo, ma fatto solo lavoro atletico alla Volkswagen Arena. Rigorosamente divisi in piccoli gruppi e mantenendo le regolari distanze di sicurezza.

Dopo di loro, hanno riaperto i centri tecnici anche di Dortmund, Bayer, Schalke e via via altre squadre. Sotto, ovviamente, determinati criteri che devono essere rispettati alla lettera. Ad esempio, che ci si può allenare soltanto due alla volta in luoghi di lavoro comunque diversi. Ovvero: due in un campo, due in un altro, due in palestra, due nella sala peso, due in un’altra area. Alcuni club permettono a ognuno di usare un proprio spogliatoio, altri invece – come da disposizioni nel Nordrhein-Westfalen – arrivano già ‘cambiati’ e si fanno la doccia a casa.

La scelta di allenarsi, come ha spiegato anche il Leverkusen in un comunicato ufficiale, non è ovviamente soltanto frutto della volontà delle squadre, ma anche del ministero dello sport tedesco. I professionisti hanno il diritto di allenarsi e anche in stato di emergenza la Germania ha fatto sì che questo fosse possibile sotto determinate condizioni.

Le stesse che, comunque, da lunedì 6 aprile segue anche il Bayern, visto che i giocatori sono tornati a Säbener Straße a piccoli gruppi. Ovviamente, come per tutte le altre squadre, senza pubblico o stampa ammessa.

Quindi, il ritorno agli allenamenti non soltanto una scelta dei club – criticati anche aspramente da diverse parti – ma anche dello stato tedesco. Un metodo per tenersi in forma che sembra, comunque, sufficientemente sicuro. Nonostante i tempi che corrono, i club di Bundesliga provano a non fermarsi, a partire dagli allenamenti. La DFL aveva consigliato uno stop fino al 5 aprile.

La ripresa degli allenamenti non condizionerà comunque le rinunce (già formalizzate e ufficiali) di quasi tutti i club di Bundesliga agli stipendi.

Un pensiero riguardo “Come (e perché) si allenano le squadre di Bundesliga

Rispondi