Ofori, il talento del Düsseldorf strappato a Real e United

ofori Düsseldorf

Kelvin Ofori è uno dei ghanesi approdati a Düsseldorf nel corso di quest’estate, il più giovane del gruppo e potenzialmente il più forte. E’ arrivato nel ritiro austriaco del Fortuna in pieno luglio per un periodo di prova e ha convinto Funkel a fargli firmare un contratto da professionista.

Formato dall’academy Right to Dream, il classe 2001 non ha ancora avuto la sua occasione per brillare in Bundesliga – una apparizione da subentrante con dodici minuti giocati – ma le ha trovate in DFB Pokal. All’esordio contro il Vilingen ha trovato subito la via del gol, poi contro Kaiserslautern e Saarbrücken è riuscito a farsi valere nonostante contro questi ultimi sia arrivata l’eliminazione ai rigori. Mettendo in luce le sue caratteristiche principali di dribbling, accelerazione e fantasia tra trequarti e attacco (giocando a tratti anche da mezzala.

La storia sportiva di Ofori è molto particolare e passa tutta attraverso un momento ben preciso: la mancata partecipazione ai Mondiali U17 del 2017 in India. Kelvin era già considerato uno dei giocatori ghanesi più talentuosi, ma per motivi misteriosi – per certi versi riconducibili alla sua academy RTD – non gli fu permesso di partecipare alla rassegna internazionale. Un colpo duro da accettare per un ragazzo così giovane e seguito da molte squadre.

Prima di accettare l’estate scorsa l’offerta del Düsseldorf, Ofori era seguito dal Manchester United e dal Real Madrid. I Red Devils gli proposero l’ingaggio e il conseguente prestito al Molde, il primo club di Solskjaer, mentre l’interesse degli spagnoli è scemato proprio dopo l’assenza ai Mondiali di categoria. Che a spuntarla sia stato il Fortuna non è stato un caso. Lutz Pfannenstiel lo ha sempre seguito in Ghana scoprendolo in uno dei suoi tanti viaggi da giramondo e non ha mai smesso di osservarlo, nemmeno dopo quei dolorosi campionati del mondo fino a convincerlo a firmare con il Fortuna.

“Conoscevo Ofori grazie al tempo passato in Africa, era considerato uno dei maggiori talenti della sua generazione – ha dichiarato Pfannenstiel a Goaled è vero che è stato seguito da Manchester United e Real Madrid. Noi abbiamo deciso di offrigli una prova. Arrivò dopo un viaggio di sedici ore, stanchissimo, e senza le scarpe da calcio. Si allenò con scarpini di uno o due numeri più grandi, ma riuscì comunque a impressionarci e ora ha un contratto di tre anni”.

Il futuro di Ofori è in Bundesliga, forse il miglior campionato possibile per sviluppare le sue capacità senza alcun tipo di pressione, e presto anche Funkel gli darà l’occasione per mettersi in mostra. L’ingresso in campo per dodici minuti contro il Mainz potrebbe rappresentare l’inizio di una brillante carriera per il tuttofare del fronte offensivo.

Rispondi