📷 Un tipico primo tempo di Lichtsteiner con l’Augsburg

lichtsteiner augsburg

Dovendo fare un ranking degli stadi più belli della Bundesliga, probabilmente la WWK-Arena non sarebbe propriamente tra i primi. Anche perché l’Augsburg è una squadra sì dignitosa, che ha sempre fatto il suo e gioca in un’atmosfera calda, ma ecco, diciamo che ci sono stadi che meritano di più. Noi ci siamo andati comunque, soprattutto per un motivo: vedere come se la sta cavando Stephan Lichtsteiner all’Augsburg rispetto all’ultima volta in cui abbiamo parlato di lui. Risultato? Poca differenza. Abbiamo assistito a un suo tipico primo tempo, come molti altri visti in tv. Ma dal vivo fa un’altra impressione. Eccone la cronistoria.

15.28 – Stephan Lichtsteiner e l’Augsburg entrano in campo.

15.31 – Fischio d’inizio della partita.

1′ – Bensebaini va via sulla sinistra e prende il fondo. Al momento di crossare un avversario entra dritto per dritto con l’obiettivo di evitare che il cross parta. È Lichtsteiner, che si prende il primo giallo dopo neanche 45 secondi.

3′ – Prima protesta veemente contro il guardalinee, l’arbitro lo guarda con la faccia di chi sa. Poi lascia correre. E Lichtsteiner si allontana dopo aver detto la sua a distanza.

4′ – Intervento non esattamente buono e tranquillo su Marcus Thuram, trattenuta che l’arbitro guarda fischiando solo il fallo. Primi segnali di preoccupazione da parte di Martin Schmidt, tecnico dell’Augsburg, in panchina.

5′ – Sospetto tocco di mano di un giocatore del Gladbach nella sua area. In attesa della decisione (non verrà fischiato nulla), Lichtsteiner colloquia amichevolmente con l’arbitro Markus Schmidt e con il guardalinee per 5 minuti mentre il Var intanto controlla.

12′ – Arriva la vendetta di Bensebaini: entrataccia su Lichtsteiner che si rotola a terra, cartellino giallo automatico. Il sapore della vendetta.

Intorno al 20′ – Splendida palla in verticale per lanciare Richter in contropiede. Certamente la giocata più interessante dell’Augsburg nel primo tempo.

24′ – Lichtsteiner e Bensebaini, ancora loro. Contrasto aereo con lo svizzero che arriva un po’ in ritardo, prende palla e travolge l’algerino che rimane a terra. Una specie di guerra tra i due, mentre il terzino svizzero prova a scrivere un trattato di pace insieme a Marco Rose, allenatore avversario. Sotto lo sguardo preoccupato di Schmidt, l’allenatore. Schmidt, l’arbitro, lo grazia.

Intorno al 30′ – Buona ripartenza con occasione per crossare per Niederlechner: palla sbilenca sul secondo palo.

33′ – Intervento decisivo e preziosissimo per salvare su Marcus Thuram: contrasto pulito dopo un tentativo di dribbling del francese in area. Altro rischio rigore scongiurato.

Intorno al 40′ – Ennesima rimessa laterale battuta. Le vuole battere tutte lui, probabilmente su indicazione di Schmidt. Curioso.

Lichtsteiner Augsburg

16.19 – Fine primo tempo, Lichtsteiner rientra negli spogliatoi e non ne uscirà più, sostituito da Framberger nell’intervallo. Consapevole di essere stato tanto brillante quanto a volte incosciente. Ma, di certo, protagonista. Anche se forse i tifosi dell’Augsburg qualche spavento se lo sarebbero evitato…

Rispondi