Tre domande a Pietro Nicolodi – Speciale Bayern-Lipsia

Bayern-Lipsia

“Tre domande a Pietro Nicolodi” è una rubrica mensile di Bundesitalia.com: ogni mese parleremo con la voce del calcio tedesco in Italia. Tre domande e risposte-lampo sui temi del momento del calcio tedesco. Questa puntata è dedicata a Bayern-Lipsia, la sfida probabilmente più attesa di questa stagione di Bundesliga.

Che Bayern-Lipsia dobbiamo aspettarci all’Allianz Arena e quanto può spostare a livello di classifica?

Storicamente di partite equilibrate ce ne sono state poche. Quella di quest’anno è una partita importantissima. Sono dell’idea che se il Bayern dovesse vincere, non lo fermerà più nessuno. Poi può succedere di tutto, ma se batte il Lipsia e poi resta integro fa abbastanza paura. Müller sembra ringiovanito di 5 anni. L’unica che può avere le carte per fermarla sarebbe il Borussia Dortmund, ma è una squadra ingestibile. Se invece dovesse vincere il Lipsia, rientrerebbe in gioco tutto, anche il Gladbach se dovesse vincere il derby sarebbe lì. Mi aspetto un 4-4 più che uno 0-0, o un 4-5 come nella stagione 2016/17, quando Robben diede una dimostrazione di onnipotenza calcistica in una partita che non contava niente. Nella sfida nella sfida tra Lewandowski e Werner per la classifica cannonieri rimango con il polacco, anche perché la produzione offensiva del Bayern è estasiante.

Il precedente del 2017.

Il Bayern viene da un ottimo momento di forma: come credi approccerà la partita, sia a livello mentale che tattico?

Credo che vedremo un Bayern aggressivo, che carichi la partita come una finale, come quello che ha giocato contro il Dortmund l’anno scorso e non la versione degli ultimi 20 minuti contro l’Hoffenheim che ha rischiato di passare da 4-1 a 4-4. Comunque, quanto mi annoiavo a vedere il Bayern di Kovac, quanto è divertente quello di Flick. Recupero palla altissimo, anche se si aprono certe voragini… Gioca con quattro attaccanti, più un centrocampista offensivo, e ci metto anche Alphonso Davies, che non è assolutamente un difensore ed è un giocatore d’attacco fantastico. In più Alaba mi fa impazzire dalla prima volta che l’ho visto, giocava da centrale già con Guardiola in maniera fantastica. Lucas è stato pagato 80 milioni e potrebbe rimanere in panchina, ma il problema dei soldi è relativo al Bayern.

Cosa sta succedendo invece ai Roten Bullen e qual è lo step che deve rappresentare questo Bayern-Lipsia per Nagelsmann e i suoi giocatori?

Dal Lipsia mi aspetto una partita da grande squadra, e non magari non capendoci nulla come nelle precedenti trasferte. Mi aspetto un match buono sin dal primo tempo, perché tante volte quest’anno il Lipsia è arrivato di rimonta nel secondo tempo. Anche all’andata il primo tempo ha sofferto, prima di uscire nel secondo. Viene da un pessimo momento in questo inizio di 2020, non so cosa possa essere successo. Erano presi dall’entusiasmo, pensavo andassero avanti, invece si sono arenati. Contro il Gladbach nel 2-2 sono stati aiutati dalla fortuna. Anche contro l’Union riuscirono a girarla grazie a un gran goal di Timo Werner. Pensavo andassero anche meglio a livello di gioco. I giocatori alla Demme non mi fanno impazzire, ma è evidente che fosse molto importante anche per l’equilibrio della squadra.

Un pensiero riguardo “Tre domande a Pietro Nicolodi – Speciale Bayern-Lipsia

Rispondi