Storia del gemellaggio tra Bayern e Sambenedettese

Bayern Sambenedettese

“L’amicizia va oltre ogni categoria. Auguri, magica Samb”. Uno striscione celebrativo, esposto in curva nell’aprile del 2016, per complimentarsi con la Sambenedettese per la promozione in Serie C conquistata proprio al termine di quella stagione. A guardare meglio la foto, però, qualcosa non torna: in Italia non c’è uno stadio con una pista d’atletica blu e soprattutto non esiste alcun gruppo di tifosi col nome “Schickeria”. Sì perché siamo effettivamente in Bundesliga, quello è l’Olympiastadion di Berlino dove il 24 aprile era di scena il match tra Hertha e Bayern Monaco vinto dagli ospiti 2-0 con le reti di Vidal e Douglas Costa. E quel messaggio celebrativo esposto in curva è lì a testimoniare una storia incredibile di gemellaggio tra i tifosi bavaresi e i supporter della Sambenedettese, squadra marchigiana. Assurda tanto quanto quella tra Colonia e Lebowski se pensiamo che San Benedetto del Tronto conta meno di 50 mila abitanti ed è alla periferia del calcio italiano.

Tutto nasce per casualità, ovviamente. Il 26 marzo 2005, alcuni esponenti della Schickeria arrivano allo stadio Riviera delle Palme per assistere alla partita della Sambenedettese contro il Napoli, sprofondato in Serie C dopo il fallimento. E’ una partita di cartello, come qualsiasi in quel girone quando sono di scena i partenopei. Tra gli spalti c’è un tifoso della Samb che parla perfettamente tedesco, stringono amicizia, iniziano a parlare: è la scintilla che porterà poi al gemellaggio tra Bayern e Sambenedettese, irrobustito negli anni successivi.

La coreografia del Bayern dedicata al tifoso della Sambenedettese, Giuseppe Di Nicola

Dal 2008 il gruppo Schickeria, per esempio, è sempre presente al torneo in ricordo di Luigi Coccia, detto “Tamburello”, storico tifoso morto nel 2014; nel 2017, invece, i tifosi bavaresi avevano onorato la memoria di Giuseppe Di Nicola – altro supporter scomparso quello stesso anno – durante una partita contro il Werder Brema: “Buon viaggio Doce, ora bevi la tua birra nel cielo degli ultras”, avevano scritto su uno striscione.

Ma l’amicizia, che rimane vivida negli anni, ha portato anche i tifosi marchigiani a essere presenti in diverse trasferte di “spicco”: alcuni tifosi della Samb, infatti, hanno assistito dal vivo al match di Champions League tra il Manchester United e Bayern, nel 2010, ma soprattutto alla finalissima al Bernabéu, dello stesso anno, contro l’Inter, decisa dalla doppietta dell’attaccante argentino Diego Milito. Un giorno non proprio felice per i tifosi del Bayern. E, direttamente, nemmeno per quelli della Sambenedettese…

Tifosi del Bayern assieme a quelli della Samb in una trasferta contro il Südtirol

Rispondi