Dennis Geiger ha fatto invaghire il Bayern Monaco

Geiger

E’ da tempo un punto fisso dell’Hoffenheim in Bundesliga, è un talento noto a tutti ed è tedesco. Che Dennis Geiger finisse sul taccuino degli osservatori del Bayern Monaco era solo questione di tempo e la vittoria della squadra di Schreuder all’Allianz Arena è stata l’occasione perfetta. Dopo la fine di quel match fu direttamente Niko Kovac a parlare in maniera estremamente positiva del classe 1998. Il croato ora non è più l’allenatore dei bavaresi, ma le idee dei dirigenti, secondo ‘Sport1’, collimano ancora con gli intenti dell’ex tecnico.

Nel nuovo corso di Sinsheim, Geiger ha mantenuto il suo ruolo centrale nella mediana di Alfred Schreuder servendo tre assist in dodici partite. Anche nell’abbondanza del reparto, si è sempre riuscito a ritagliare uno spazio importante. Il ventunenne è già in grado di ricoprire qualsiasi ruolo nel centro del campo. Per due anni è stato il cervello della squadra di Julian Nagelsmann mostrando le qualità di impostazione e di lettura della partita ed ora sta affinando ancor di più le sue qualità. Geiger, che in italiano si traduce con la parola ‘violinista’, è il perfetto direttore d’orchestra della squadra. Recupera e smista palloni con il tempo giusto ed è capace di giocare in verticale.

La cosa più importante, però, è la sua tenuta fisica. Nonostante la giovane età – 21 anni – Geiger ha già subito vari stop per problemi muscolari che lo hanno costretto a saltare 40 partite negli ultimi tre anni.  Anche quest’anno è rimasto fermo ai box per un paio di volte, ma i problemi della scorsa stagione sembrano essere finalmente superati. Se Geiger dovesse trovare continuità fisica, questa potrebbe essere l’annata dell’esplosione. Joachim Löw lo sta aspettando nella Mannschaft e il Bayern fa il sul serio. Il contratto con l’Hoffenfheim scade nel 2022 e la prossima estate potrebbe essere quella chiave per un suo trasferimento. I campioni di Germania ci proveranno, vista anche la mancanza di un talento della sua portata in quel settore di campo, ma Geiger accetterà?

Il trasferimento ed il conseguente poco impiego di Mickaël Cuisance di certo non gioca a favore del Bayern e crea qualche dubbio nei giovani talenti tedeschi che vengono approcciati da Salihamidzic e company. Geiger è probabilmente di un livello superiore rispetto al francese ex ‘Gladbach, ma l’età è molto simile e le possibilità di finire a giocare in 3.Liga sicuramente è una preoccupazione non da poco. Oltretutto, c’è da battere anche la concorrenza di Pep Guardiola e del suo Manchester City, altra squadra spesso accostata al classe 1998. Il Bayern, quindi, se vorrà sistemare il suo centrocampo in ottica futura, deve fare in fretta e deve convincere Geiger che il suo posto sarà tra i titolari della prima squadra e non con le riserve e i giovani in seconda squadra.

Rispondi