📸 FOTO – Lo strano derby di Monaco tra Bayern II e 1860

derby Monaco

Gli appassionati di Bundesliga meno giovani, soprattutto quelli cresciuti negli anni ’90, o negli anni ’60 e ’70, hanno assistito a derby di Monaco storici, quando sia il Bayern Monaco che il Monaco 1860 erano al top del calcio tedesco. Storicamente i Löwen, come già vi abbiamo raccontato, sono sempre stati ‘gli altri’ rispetto a chi vinceva coppe e trofei in continuazione. Il derby però è sempre stato una storia a sé, come capita in ogni grande città spaccata a metà calcisticamente parlando.

Per questo ieri lo storico Grünwalder Stadion era pieno in ordine di posto. Perché ieri, dopo 11 anni, il derby di Monaco è tornato a essere una partita di livello professionistico, almeno parzialmente. Il 1860 sì, è a tutti gli effetti un club professionistico, ma il discorso non vale per gli avversari del Bayern II, la squadra riserve dei campioni di Germania: molti giocatori non hanno ancora un contratto da ‘pro’.

Lo scorso anno Monaco 1860 e Bayern II si erano incrociate già in Regionalliga: alla fine entrambe hanno conquistato la promozione in 3. Liga e si sono ritrovate. Non è comunque la prima volta che il derby è così sballato, con una prima squadra e una seconda squadra, visto che negli anni ’80 la prima squadra dei Löwen era crollata fino alla Bayernliga, l’allora terza serie, trovandosi contro proprio il Bayern II. Tutto questo non ha minato la nobiltà di una partita che è stata sentitissima ugualmente.

ll risultato finale è stato di 1-1, grazie al rigore realizzato da Kwasi Wriedt nel primo tempo e dal pareggio di Dressel nella ripresa. L’esito comunque alla fine è interessato il giusto a entrambe le squadre: sono stati soprattutto l’ambiente, i colori, il clima e la tensione a catturare l’attenzione. Ed è stata da apprezzare anche l’ottima idea della DFB di trasmettere la partita in streaming gratis sul proprio canale YouTube. Per un derby di Monaco diverso, ma comunque unico nel suo modo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi