Caravan of Love: storia di una protesta speciale

Caravan of Love

Da più di un anno i tifosi del Tennis BorussiaTeBe” Berlin, piccola società della capitale tedesca finora famosa per aver cresciuto Jerome Boateng, non sostengono i propri giocatori per protesta. La squadra, che milita in OberLiga Nord è stata privata del proprio tifo dopo le vicende seguite alla presidenza di Jens Redlich, precedentemente sponsor del club diventato poi proprietario. I metodi di Redlich sono stati pesantemente criticati dai suoi consiglieri e la maggior parte del personale della società è stata costretta a dimettersi dal proprio ruolo trovando il sostegno dei tifosi.

I fan del TeBe sono conosciuti per le loro idee democratiche, anti-razziste ed anti-omofobe ed una volta venuti a conoscenza dei soprusi messi in atto da Redlich per circondarsi di persone a lui fidate si sono attivati. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’inserimento di persone totalmente estranee al calcio ed alla cultura del club nel board di consiglieri – si vocifera fossero provenienti dalla Bulgaria per volere del capo – da quel momento è nata una delle proteste più belle e particolari della storia del calcio tedesco: il Caravan of Love.

Caravan of Love

La protesta prevedeva di viaggiare per la Germania tifando squadre totalmente estranee al TeBe. Tra i team che hanno ricevuto il supporto del Caravan of Love c’è anche l’altro Tennis Borussia di Germania, vale a dire quello di Rambach, che dista ben 570 chilometri da Berlino. La protesta ha raggiunto un’incredibile notorietà in tutta la nazione grazie alla copertina dedicatagli da 11Freunde – una delle riviste calcistiche più famose di Germania – e recentemente da Felix Tamsut, ma anche alla splendida iniziativa andata di pari passo con le trasferte sul territorio tedesco.

I tifosi del TeBe, infatti, hanno colto la palla al balzo per sostenere le cause in cui credono attraverso la creazione e la vendita del merchandising del Caravan of Love. Il ricavato di questa raccolta fondi è stato interamente devoluto alla SeaWatch, la ONG che per settimane è stata protagonista della cronaca italiana per i suoi interventi in mare atti a salvare i rifugiati lasciati alla deriva.

Il Caravan of Love è però giunto sorprendentemente alla fine. Il 31 luglio Jens Redlich è stato rimpiazzato come presidente del TeBe Berlin – stando a quanto dice l’ormai ex chairman è stato attuato un vero e proprio colpo di stato – e questo vuol dire che i supporters berlinesi possono finalmente tornare tifare per la loro squadra. Il ritorno del tifo è stato un trionfo fuori e anche dentro il campo, visto che il TeBe ha vinto il derby contro il Tasmania Berlin per 4-2. Mica male come ritorno.

Rispondi