Ishak Belfodil e la Bundesliga: Werder Brema – Hoffenheim è la sua partita

Ishak Belfodil

La vita tedesca di Ishak Belfodil si divide tra due squadre: Werder Brema ed Hoffenheim. I grün-weiß lo hanno ripescato dal Belgio e dallo Standard Liegi dopo un anno da 17 gol in 37 presenze dandogli una seconda occasione in uno dei grandi campionati d’Europa, mentre la squadra allora allenata da Julian Nagelsmann lo ha definitivamente rilanciato.

L’approdo in Bundesliga non ha scatenato grandi feste a Brema e anche i risultati – nonostante la tanta fiducia avuta dimostratagli da Nouri prima e Kohfeldt dopo – non sono stati eclatanti: sei gol in ventinove partite tra campionato e DFB Pokal. Il Werder ha deciso di non volerci puntare più e l’Hoffenheim ha accettato la scommessa. Con Nagelsmann in panchina, Belfodil ha disputato la migliore stagione della sua carriera, anche superiore a quella con la maglia del Parma nel 201/2013, segnando 16 gol in Bundesliga e decidendo da solo diverse partite. L’esplosione avuta nel girone di ritorno della scorsa annata è stata qualcosa di stupefacente con diversi highlights, ma due superiori a tutti.

La doppietta al Westfalenstadion. Con la squadra sotto di tre gol nello stadio più caldo di Germania, l’algerino ha lanciato la rimonta siglando la rete del 3-1 e la conclusa con un ottimo colpo di testa che è valso il 3-3 finale ed un punto d’oro per l’Hoffenheim. Questa doppietta ha segnato uno spartiacque nella sua stagione facendogli conquistare la fiducia di Nagelsmann ed anche una maglia da titolare che è valsa dodici gol in quattordici partite giocate e la possibilità di giocarsi un posto in Europa League sino all’ultima giornata di Bundesliga.

La tripletta contro l’Augsburg. Il momento più alto, quello del riscatto, Belfodil lo raggiunge contro la squadra della Baviera siglando una tripletta perfetta: destro, sinistro testa. Repertorio completo e libro dei record per essere il primo algerino ha siglare una tripletta in Bundesliga. Nel pomeriggio dello scorso Aprile il numero 19 dell’Hoffenheim è tornato a splendere e a far vedere tratti del calciatore che sarebbe potuto essere dopo Parma, quest’anno sarà quello della conferma ad alti livelli per il definitivo salto di qualità.

L’incontro di oggi pomeriggio è la sua partita. Giocherà contro chi gli ha dato una seconda occasione in uno dei top campionati europei, ma poi lo ha scaricato al miglior offerente, sotto cui ha brillato come non mai. Ora Belfodil dovrà dimostrare che quanto visto lo scorso anno non era solamente merito del gioco offensivo di Julian Nagelsmann, ma anche di una sua maturazione e ancora una volta dovrà partire dal guadagnarsi una maglia da titolare e lo potrà fare solamente a suon di gol.

Rispondi