Lazaro, l’Hertha e la Bundesliga: i tre momenti chiave

Lazaro

L’avventura di Valentino Lazaro in Bundesliga è giunta al termine dopo appena due stagioni in forza all’Hertha Berlino: il suo futuro è nell’Inter. L’esterno austriaco ha comunque sfruttato a pieno l’esperienza tedesca per mettersi in mostra ed evolversi da esterno offensivo ad esterno tutto campo. Vediamo assieme i tre momenti chiave dell’avventura del classe 1996 nella capitale tedesca.

Hertha Berlino – Amburgo 28/10/17

L’esordio di Valentino Lazaro in Bundesliga avviene contro la piazza storica del campionato. Dopo tre spezzoni di partita giocati contro Bayern Monaco, Schalke 04 e Friburgo dove ha ben figurato, Dárdai decide di dargli una maglia da titolare. L’esordio è da trequartista alle spalle di Ibisevic, ma la posizione in mezzo al campo non è la sua e si vede. La prestazione non è da ricordare, ma l’impegno messo gli vale la fiducia totale dell’allenatore che – fatta eccezione per le tre partite seguenti – non lo ha mai più tolto dall’undici iniziale sacrificando anche nomi importanti.

Bayer Leverkusen – Hertha Berlino 10/02/18

Dopo un primo periodo di assestamento, Lazaro trova continuità e inizia sin da subito a ripagare la fiducia riposta in lui da Pál Dárdai. Nelle prime otto da titolare serve quattro assist ed alla nona presenza dal primo minuto arriva anche il primo gol in Bundesliga frutto di un ottimo inserimento guardando la linea dei difensori ed evitando il fuorigioco, più da punta che da ala, a sottolineare ulteriormente le spiccate doti offensive che possiede.

VFL Wolfsburg – Hertha Berlino 15/09/18

Il match contro Die Wolfe segna l’inizio dell’arretramento di Lazaro. Klünter e Pekarík non offrono garanzie nel ruolo di terzino destro e Pál Dárdai decide di provarlo in quel tratto di campo. La risposta dell’austriaco è positiva, si sacrifica in copertura ma non perde di efficacia nella trequarti offensiva. Nonostante qualche defezione difensiva viene confermato per gran parte della stagione ed è anche questo che lo mette nel radar di molte squadre d’Europa tra cui proprio l’Inter.

In due stagioni l’austriaco è cresciuto in maniera esponenziale grazie alla fiducia riposta in lui dal proprio allenatore ed ha vissuto una trasformazione fondamentale per il prosieguo della sua carriera. Evolversi da ala pura ad esterno tutta fascia era il passo che gli mancava per diventare appetibile ai grandi club d’Europa ed ora deve solo affinare le sue doti difensive. L’Inter e Antonio Conte – soprattutto – sono un banco di prova perfetto per mettersi alla prova e completare il cambiamento.

Un pensiero riguardo “Lazaro, l’Hertha e la Bundesliga: i tre momenti chiave

Rispondi